Cerca nel quotidiano:


Consegnate le gozzette: “Grazie a tutta la città”. Ora i gozzi a 10

Le imbarcazioni del Minipalio e del Femminile sono state tinte con i colori delle sezioni nautiche e consegnate sabato 24 con una cerimonia in Fortezza Nuova. I ringraziamenti del presidente Quercioli

Sabato 24 Marzo 2018 — 12:51

Mediagallery

Riguardando le immagini della consegna delle gozzette a 4 remi, il presidente del Comitato Organizzatore Palio Marinaro, Maurizio Quercioli, ha voluto fare un ringraziamento a tutti i livornesi che sono intervenuti e a chi ha contributo alla realizzazione delle imbarcazioni. “Ringraziamo tutta la città – ha detto Maurizio Quercioli – per la splendida dimostrazione di affetto e per le parole che sono state spese. Il Palio, piano piano, si sta rialzando e un grazie va a tutte le persone che si stanno impegnando per questa causa. Tornare ai vecchi fasti è impossibile, ma sicuramente il futuro potrà riservarci belle sorprese se continuiamo a lavorare così. La colorazione delle gozzette con i colori sociali delle cantine è solo uno dei tanti esempi. Voglio fare un ringraziamento speciale agli organi di stampa che, sebbene questo sia un periodo ancora lontano dalle gare, hanno dato importanza alla notizia riportandola su quotidiani, telegiornali e siti internet. Continuando a dar risalto alle tradizioni remiere, contribuiscono alla rinascita di tutto il nostro movimento”. Infine, il presidente ha voluto ricordare che da giovedì 29 a sabato 31 avverrà la consegna dei gozzi a 10 remi. “Sto prendendo contatti con le cantine per consegnare i gozzi a 10. Abbiamo lavorato intensamente e le barche sono pronte quasi due settimane prima del tempo che avevamo stabilito. Da giovedì a sabato saremo a disposizione delle sezioni nautiche che potranno venire a ritirare il proprio gozzo in Fortezza Nuova, all’anfiteatro delle barche”. L’invito di Quercioli è di venire con più persone possibili. “Abbiamo risparmiato sulle imprese di facchinaggio che ci avrebbero chiesto una cifra troppo alta, che in questo momento non abbiamo. Dunque per consegnare le barche, ci sarà bisogno della forza dei vogatori. Invitiamo i cantinieri e i presidenti a coinvolgere i propri atleti nel venire a ritirare i gozzi”.

Consegnate le gozzette – Una splendida mattinata primaverile, quella del 24 marzo, ha accompagnato la consegna delle gozzette a 4 remi alle cantine del Palio Marinaro. Come annunciato dal presidente Maurizio Quercioli, quest’anno le imbarcazioni del Minipalio e del Femminile sono state tutte tinte con i colori delle sezioni nautiche per dare un po’ di colore in più alle regate. La cerimonia si è svolta sulla Falsabraca della Fortezza Nuova e all’evento hanno partecipato tantissime persone. Vogatori, dirigenti, presidenti, allenatori e molti addetti ai lavori hanno preso in consegna le imbarcazioni che erano state ormeggiate proprio davanti al pratone della Fortezza, per un effetto scenico davvero molto bello. Anche perché sulla riva erano state piantate tutte le bandiere delle cantine. All’evento ha partecipato anche l’assessore allo sport del Comune di Livorno, Andrea Morini. “La riconsegna delle gozzette colorate – ha spiegato Morini – valorizza il lavoro dello staff tecnico del Comitato Organizzatore del Palio Marinaro. Questa nuova modalità darà maggior visibilità a tutto il movimento e consentirà a chi è a terra di distinguere meglio le varie imbarcazioni. E poi, ovviamente, è qualcosa che risalta all’occhio”. Purtroppo, però, non sono state ritirate le gozzette del Labrone e dell’Ardenza. “Questa è una ferita – ha chiuso Morini – ma allo stesso tempo dev’essere un impegno delle cantine e di noi tutti per far sì che ogni sezione nautica abbia il proprio Minipalio. I ragazzi sono il futuro di questa tradizione e dobbiamo fare il modo che sempre più giovani si avvicinino al mondo remiere”. Su tutte le imbarcazioni, oltre ai nuovi colori e il nome della cantina di appartenenza, è stato affisso anche il logo del Comune di Livorno, proprio come è stato fatto sui gozzi a 10. “Finalmente il colore torna in mare – ha aggiunto Quercioli – speriamo che sia un messaggio per tutta la città. Che i colori tornino anche sulle spallette e alle finestre con bandiere e striscioni come una volta. Grazie a tutti i volontari, agli addetti ai lavori e a chi ha fatto in modo che questa cerimonia si svolgesse così bene”.
A proposito dei gozzi a 10, infine, il presidente del Palio Marinaro ha annunciato che verranno consegnati in anticipo rispetto a quanto previsto in precedenza. “Abbiamo fatto un lavoro super per restaurale in tempo e stiamo prendendo accordi con tutti i presidenti. Tra giovedì 29 e sabato 31 marzo consegneremo le barche. Abbiamo risparmiato sulle spese relative al facchinaggio, evitando di coinvolgere ditte specializzate che avrebbero richiesto cifre che adesso non possiamo permetterci. Perciò invitiamo tutte le sezioni nautiche a presentarsi in Fortezza con i vogatori o i dirigenti, in modo da facilitare e velocizzare le operazioni. Ogni cantina deciderà il giorno e l’ora che torna meglio e dovrà presentarsi in Fortezza Nuova all’anfiteatro delle barche. Insomma, i vogatori nell’uovo di Pasqua troveranno il gozzo a 10”.

Da Firenze per beneficenza – Il 24 marzo sono arrivati da Firenze gli atleti della Polisportiva Fiorentina, una società di tassisti che nel dopo lavoro praticano sport. Ma oltre all’attività sportiva, la Pf svolge anche tantissima beneficenza e spesso unisce le due cose. Un anno fa ha aiutato Amatrice, consegnando al sindaco Pirozzi 7 scavatori. Adesso, invece, gli atleti fiorentini sono hanno deciso di sostenere la cantina del Borgo Cappuccini che è stata pesantemente danneggiata in seguito all’alluvione. E così, simbolicamente, da piazza della Signoria trenta ciclisti sono partiti per Livorno, arrivando intorno alle 13.30 al Gazebo, dove hanno incontrato i dirigenti del Borgo. Grazie a delle cene e ad alcuni spettacoli, sono stati raccolti 4.200 euro, con i quali sono stati comprati 3 remergometri, una ciclette e altro materiale per allenamento, che era andato perduto lo scorso 10 settembre. Oltre ai ciclisti, alla Terrazza Mascagni sono arrivati anche i canoisti e i podisti della Polisportiva Fiorentina, che sono partiti dalla torre di Calafuria. Ad accogliere tutti gli atleti, oltre ai cantinieri del Borgo, c’era anche l’assessore Andrea Morini. “Inizialmente – ha spiegato – per aiutare le società sportive avevamo deciso di utilizzare i fondi provenienti dalla raccolta comunale #Aiutiamoli. Molte società, però, erano rimaste fuori e così le ho invitate a presentare una richiesta di risarcimento danni. La Lega Coop Toscana ha scelto di sostenere il Carli Salviano, l’Accademia della Scherma e la Ginnastica Livornese. Ma tante continuano a non aver ricevuto alcun contributo. Una di queste è il Borgo. Qualche mese fa, poi, ho conosciuto quelli della Polisportiva Fiorentina che hanno chiesto di poter aiutare qualche società sportiva in difficoltà e hanno scelto proprio la sezione nautica bianconera, visto che anche a Firenze si pratica canottaggio. Hanno fatto alcune serate per raccogliere fondi e si sono attivati per comprare il materiale e consegnarlo. Oggi è una giornata importante, perché si concretizza questo bellissimo gemellaggio sportivo”.

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Miko

    Grazie a tutto il comitato organizzatore del Palio Marinaro per questo Bellissimo lavoro che hanno fatto,tutte le Cantine con giusta ragione devono avere il Minipalio,quindi?SCUOLE IN BARCA come una volta!!!!!!!!

  2. # Maurizio72

    Da sottolineare anche la bella mangiata tutti insieme che abbiamo fatto ai bagni tirreno..siamo stati bene davvero!

  3. # Luca Amadori

    Sono un genitore di un ragazzo che voga nel Salviano mi sento chiaramente più coinvolto ma credo che se in tutta la città ci fosse più coinvolgimento ne gioverebbe anche il turismo dato che manifestazioni come la Risi’atori il Palio la Barontini e il Palio dell’ AntAntenna portare movimento a livello turistico e di tutto ciò ne gioverebbe la città

  4. # cittadina

    Un grazie enorme al comitato, avanti cosi’, fieri di essere livornesi.

  5. # ettoro

    ORA tutti a pulire i fossi