Cerca nel quotidiano:


Costalli saluta e lascia la Camera di Commercio

Costalli ha declinato l’invito giuntogli a ricandidarsi. Pesa su tale scelta l’imminente riforma. Il nuovo Consiglio camerale, espressione delle forze economiche livornesi e grossetane, si insedia il 1° settembre

Venerdì 26 Agosto 2016 — 07:42

Mediagallery

Una lunga conversazione, sincera e a tratti amara, come tra amici, quella che il Presidente Sergio Costalli ha intrattenuto il 25 agosto con i rappresentanti degli organi di informazione, che ha voluto ringraziare per l’attenzione, la cordialità e la correttezza dei rapporti intercorsi nei due anni e mezzo della sua presidenza.
Infatti Costalli con il 1° settembre decade dalla carica di Presidente della Camera di Commercio di Livorno, in virtù dell’autoriforma che lui stesso ha promosso insieme al Consiglio e che ha portato all’accorpamento con la consorella di Grosseto: il nuovo Consiglio camerale, espressione delle forze economiche livornesi e grossetane, si insedia proprio giovedì 1° settembre alle ore 11 ed ha come primo compito quello di nominare il Presidente.
Costalli ha declinato l’invito giuntogli dai rappresentanti del mondo dell’economia a ricandidarsi. Pesa su tale scelta l’imminente riforma delle Camere di Commercio che, dalle bozze circolanti, risulta fortemente penalizzante del ruolo politico e delle funzioni di questi Enti pubblici così vicini ai territori in cui sono radicati da moltissimo tempo, per esprimere le istanze del mondo dell’economia. Pesano il crescente spazio riempito dalla burocrazia, i controlli opprimenti a livello centrale, che ostacolano e rallentano l’azione.
Il Presidente non ha mancato di esprimere grande stima nei confronti dei suoi collaboratori e dei lavoratori tutti, che si stanno adoperando al meglio per giungere pronti alla fusione tra due Enti, che non è cosa da poco. Il suo Grazie è andato anche ai colleghi del Consiglio e della Giunta, i quali gli hanno manifestato costantemente grande fiducia, come risulta anche dai provvedimenti adottati pressoché sempre all’unanimità.

Riproduzione riservata ©