Cerca nel quotidiano:


“Critical Wine” all’Ex Caserma Occupata

Venerdì 9 Dicembre 2016 — 11:58

Mediagallery

Venerdì 9 e Sabato 10 Dicembre si terrà a Livorno, presso il centro sociale Ex Caserma Occupata in via Adriana, una festa del vino unica nel suo genere: il Critical Wine / Terra è Libertà. La terza edizione labronica di questo evento, che ha assunto ormai carattere nazionale ripetendosi in moltissime città italiane, conterà circa 25 aziende vitivinicole provenienti da tutta Italia. Sarà possibile degustare i loro vini, per poi proseguire la festa con concerti, bancarelle di artigianato, dibattiti e stand gastronomici, tutto sotto il comune denominatore del rispetto della Natura, della Terra e del Lavoro

Un’occasione unica per un evento che unisce il ben vivere collettivo al gusto, alla tradizione della nostra terra e a una produzione sostenibile.

La Storia
Tutto ebbe inizio nel 2003, quando Luigi Veronelli, tra i più importanti enologi italiani, volle riunire tutte quelle aziende vinicole che preferiscono la qualità alla quantità, l’amore per la Terra e per i suoi frutti allo sfruttamento forsennato. Fu cosi che si tenne al Chimica di Verona, in concomitanza con il Vinitaly, la prima edizione del Critical Wine: 150 aziende, provenienti da tutta Italia, entrarono direttamente in contatto con il pubblico, nella cornice di uno spazio occupato ed autogestito: nessuno sponsor, solo la voglia di creare qualcosa di diverso dal sistema dell’omologazione istituzionalizzata.

Il programma
Saranno gli stessi principi che allora lo animarono a far da cardine a questa nuova edizione del Critical Wine di Livorno.

All’ingresso si riceve un calice di vetro e inizia così il percorso di degustazioni tra una miriade di vini di una rara varietà.

Protagoniste sono le aziende provenienti da tutta Italia, dal Veneto alla Sicilia, con prevalenza toscana e piemontese. Non mancheranno stand gastronomici per tutti i gusti, servizio di ristorazione     continuo,     bancarelle,     videoproiezioni,     dibattiti,     concerti     e     djset.    Sulla pagina Facebook e sul sito web dell’evento sarà possibile trovare la lista dei partecipanti e il programma completo.

Insomma, un’imperdibile occasione di festa ma anche di riflessione, un luogo di incontro e di acquisto di vino buono direttamente dai produttori e senza intermediari: l’occasione per alzare i calici in un brindisi collettivo al ritorno dell’amore planetario.

 

Per qualsiasi informazione o chiarimento: Nico, 3397380069, [email protected]

Riproduzione riservata ©