Cerca nel quotidiano:


Arrestato spacciatore. La droga incollata nei pantaloni

Arrestato dai carabinieri per spaccio di sostanze stupefacenti. Durante la perquisizione personale rinvenute all’interno dei pantaloni 25 dosi di cocaina

Sabato 6 Febbraio 2021 — 14:31

Mediagallery

La droga, confezionata in piccoli involucri di cellophane bianco, era letteralmente incollata all’interno dei pantaloni nell’estremità più bassa

Nella tarda mattinata del 5 febbraio i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un nordafricano di 46 anni per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Come si legge in un comunicato l’uomo, regolare sul territorio nazionale, è stato notato durante un servizio dedicato alla prevenzione e alla repressione dei reati in materia di stupefacenti. Ad attirare l’attenzione dei militari è stata la rapidità di incontro con altre persone. Durante il pedinamento sono stati fermati due soggetti, presumibilmente consumatori, uno dei quali colto nel momento preciso della compravendita all’interno dell’auto del 46enne. La piena flagranza di reato ha consentito ai carabinieri di condurre il 46enne in caserma per ulteriori accertamenti. La perquisizione personale ha consentito di rinvenire all’interno dei pantaloni 25 dosi di cocaina. La droga, confezionata in piccoli involucri di cellophane bianco, era letteralmente incollata all’interno dei jeans, nell’estremità più bassa, per eludere i normali controlli e non destare particolare sospetto durante la vendita e i movimenti.
Solo la scrupolosità degli carabinieri ha consentito di rinvenire complessivamente circa 13 grammi di cocaina, oltre a 338 euro verosimilmente provento di spaccio. Questi soldi si vanno ad aggiungere ad ulteriori 980 euro rinvenuti nell’abitazione, anch’essi verosimilmente provento di spaccio, unitamente a materiale per il confezionamento. Tali riscontri e la flagranza di reato nell’attività di spaccio hanno consentito ai carabinieri di trarre in arresto lo straniero che, espletate le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di ulteriori disposizioni che seguiranno al rito direttissimo.

Riproduzione riservata ©