Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Bancarotta fraudolenta, confisca di beni al rappresentante di una concessionaria auto

Mercoledì 6 Luglio 2022 — 09:57

Foto di archivio

La Guardia di Finanza di Livorno, come si legge in un comunicato inviato dalle fiamme gialle, ha definitivamente confiscato i beni sequestrati al rappresentante di una concessionaria d’auto labronica

La Guardia di Finanza di Livorno, come si legge in un comunicato inviato dalle fiamme gialle, ha definitivamente confiscato i beni sequestrati al rappresentante di una concessionaria d’auto labronica che, sottoposta a concordato preventivo, nel 2016 cagionò una bancarotta fraudolenta aggravata, con la complessiva distrazione di denaro per 2,7 milioni di euro, come dimostrato al termine di una lunga indagine fiscale. Come si legge ancora nella nota stampa, le indagini del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Livorno portarono alla luce finanziamenti a imprese collegate per oltre 2 mln di €, mai rientrati, nonché la sparizione dalla cassa di denaro contante per 324.000 € per spese personali, oltre a ingiustificati compensi per amministratore pari a 365.000 €, con il depauperamento di parte del patrimonio aziendale. È così che nel febbraio 2017 fu data esecuzione, nei confronti dell’amministratore unico, a un’ordinanza emessa dal G.I.P. del locale Tribunale di applicazione della misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale e ricoprire uffici direttivi in persone giuridiche e imprese. Inoltre, per tutelare i creditori nell’ambito della procedura di concordato preventivo, il G.I.P. dispose, nei confronti dello stesso soggetto livornese, il sequestro preventivo della quota del 50% di un appartamento in provincia di Pisa (del valore complessivo di 252.000 euro) nonché di conti correnti bancari, sia personali che delle società che beneficiarono dei prestiti, per ulteriori 15.000 €. All’imputato, al termine del patteggiamento, è stata applicata dal Tribunale di Livorno la pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione, in relazione al delitto di bancarotta fraudolenta aggravata, all’esito del quale, nei giorni scorsi, è stata disposta, con sentenza divenuta definitiva, la confisca di quanto in precedenza sequestrato.

Condividi:

Riproduzione riservata ©