Cerca nel quotidiano:


Barista colpito alla testa e rapinato a Colline

A fare la scoperta è stato il fornitore delle paste che ha trovato la saracinesca alzata a metà. Il bandito si è impossessato del fondo cassa e non contento ha rovistato nel portafoglio della vittima prima di darsi alla fuga

Lunedì 19 Settembre 2016 — 06:30

Mediagallery

A fare la scoperta è stato il fornitore delle paste. Ha trovato la saracinesca alzata a metà ed è entrato. Ha chiesto alzando la voce se nel bar ci fosse qualcuno e quando non ha ottenuto risposta si è recato nella saletta sul retro trovando il titolare a terra aggredito pochi minuti prima da un malvivente. E’ accaduto sabato 17 settembre intorno alle 7 in un bar a Colline. La vittima della aggressione, poi trasformatasi in rapina, è stata colpita alla testa e ha perso conoscenza. Per questo ai carabinieri, che stanno indagando sul caso, non ha saputo fornire molti dettagli: dunque potrebbe essersi trattato di un solo malvivente, oppure di due. Lo stesso fornitore delle paste è subito corso in strada per lanciare l’allarme. Proprio in quel momento stava transitando una ambulanza della Misericordia di Montenero e l’ha fermata. I volontari sono corsi dentro il bar trovando l’uomo ancora a terra con una ferita in testa e il suo portafoglio a fianco. Il bandito si era impossessato del fondo cassa (pochi spiccioli) e non contento ha rovistato nel portafoglio della vittima prima di darsi alla fuga.  Dopo le prime cure sul posto il commerciante è stato trasportato al pronto soccorso per gli accertamenti del caso.

Riproduzione riservata ©

11 commenti

 
  1. # Carlo

    i tempi sono cambiati .. chi lavora in un negozio di notte deve prendere molte precauzioni. Io sono favorevole a un porto d’armi, perché la pistola è un ottimo deterrente contro questi rapinatori disperati. In questo far west metropolitano nessuno ci difende (purtroppo !!! ) ed allora dobbiamo farlo da soli, per noi e la nostra famiglia.

    1. # AnToNIO

      Ma scusa! Quindi daresti le pistole solo a chi ha il negozio? E se uno chiude,cosa ne facciamo della sua pistola? Oppure la daresti a tutti e quindi diventeremo una seconda America,dove muoiono centinaia di persone al giorno a causa delle armi?? E se un negoziante è aperto la notte ed il giorno fa una rapina,la pistola potrebbe usarla per rapinare,uccidendo così un altro negoziante “di giorno”!!! Hai una soluzione??? Non penso, ma attendo con ansia!!!

    2. # Rina Maland

      Ma non pensi che se il malvivente vede una pistola non sia più svelto e più abile a sparare dell’ aggredito? sarebbe un rimedio molto peggiore del male!

  2. # Lorenzo65

    Alla violenza , secondo alcuni , non si risponde con la difesa, ma con un sano dialogo culturale che arricchisca sia la vittima che l’aggressore di sani principi filosofici. Auguri !

    1. # Franco Franco

      Vaneggi

  3. # carla

    Nei sette giorni:
    Questa rapina, un furto con scasso in via delle Grazie, un furto con taglio delle inferriate e asporto totale della cassaforte in via Mangini, ….che conosco io.
    Basta!

  4. # duda55

    70 anni di galera e basta!

  5. # Carlo

    x Antonio e Rina
    le vostre ragioni sono vere e fondate, ma vedere che un qualsiasi balordo armato di un taglierino o una siringa possa fare una rapina, è veramente ridicolo. Le armi da fuoco sono sicuramente un deterrente per i balordi, i drogati e i malintenzionati. Perché le scorte, le guardie private e altri hanno una arma da fuoco? Perché davanti alle banche la guardia giurata ha un’ arma? ovviamente per scoraggiare.. anche se naturalmente non si azzera la criminalità. Perché allora un gioielliere, una persona a rischio non deve avere il diritto di armarsi?

  6. # ema

    Se la malcapitata si fosse difesa sparando alle gambe l’aggressore difendendo la sua incolumità,a quest’ora sarebbe in galera per “eccesso di difesa”…questa è l’Italia!!!

  7. # Carlo

    naturalmente questo accade perchè il territorio è diventato un “deserto” una terra di nessuno, dove i prepotenti e i delinquenti la fanno da padrone. Vedi l’episodio di pestaggio metropolitano in metro a Roma. Una guardia armata avrebbe risolto !!! Quindi guardie armate .. sicurezza e controllo del territorio, possibilità di difesa personale nelle proprie abitazioni o luoghi di lavoro !!!

  8. # Dilvo

    Le tasse le paghiamo anche per retribuite le forze dell’ordine.
    Sarebbe meglio, invece di impiegarle la domenica alle partite di calcio, fargli fare sicurezza in città.
    E come in tutto il resto del mondo, per il calcio, la sicurezza effettuata da guardie private (pagano un po’meno i calciatori e danno lavoro)