Cerca nel quotidiano:


Boato all’alba a nord della città

Ad avvertirlo sono stati, in particolare, i residenti a Stagno. Dalle prime verifiche è emerso che il forte rumore proveniva dalla raffineria Eni

Venerdì 2 Settembre 2016 — 08:10

Mediagallery

Boato a nord della città. E’ accaduto alle prime luci dell’alba, per l’esattezza alle 6,20 del 2 settembre quando sono arrivate le prime telefonate, e ad avvertirlo sono stati, in particolare, i residenti a Stagno. Dalle prime verifiche è emerso che il forte rumore proveniva dalla raffineria Eni, nel reparto centrale termoelettrica, e sarebbe stato dovuto alla rottura di una tubazione ad alta pressione all’interno di una caldaia per produzione di vapore a servizio della centrale termoelettrica. L’impianto è stato posto in sicurezza dal personale di stabilimento e non si è reso necessario l’intervento di personale del Comando dei vigili del fuoco. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito e non ci sono state emissioni di sostanze tossiche nell’aria. Avete avvertito il boato? Segnalatelo con un commento sotto all’articolo.

 

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # moscardino

    Tanto la verità sull’accaduto non la saprete mai

    1. # lazlo

      Te la dico io.
      Si e’ rotto uno dei tubi interni di una caldaia a gas per produrre vapore.
      Il vapore prodotto dalla caldaia e’ a pressione e quindi quando esce in aria fa casino …….

      1. # Pino

        Fa solo casino? Una caldaia è una potenziale bomba se non manutenzionata a dovere!! E le valvole di sicurezza funzionano??

  2. # Chicca

    Avvertito benissimo!!!purtroppo la verità saremo sempre gli ultimi a saperla…Vapore acqueo?Speriamo!!!!!

    1. # Nacci

      se era qualcos’altro avreste visto il fumo nero!

    2. # lazlo

      confermo

  3. # Ale

    Avvertito eccome .. Sembrava di avere un elicottero fuori di finestra

  4. # Icaro Manadolcef

    Sentito benissimo, e poi una puzza come di aria uscita con violenza dagli intestini, chissà cosa è stato….

  5. # CIRO

    basta avvicinarsi a stagno per sentire l’odore che emana, il bello e’ che molti abitanti di stagno hanno orti e pozzi….boh….

  6. # nacci

    Icaro,non mangiare fagioli la sera…..

  7. # #cr7

    Stanno eleggendo il papa in raffineria… Tra poco troveranno l’accordo

  8. # nacci

    Pino,per parafrasare una famosa pubblicità,”le cose,se non le sai salle!!!”

  9. # duda55

    Non è la prima volta!

  10. # Fabio

    Sarà meglio che l’Usl controlli per bene, ne va della sicurezza dei cittadini! Anche quella dei lavoratori che dovrebbero essere in prima linea per pretendere di lavorare in sicurezza!

  11. # Andrea

    Ma smettiamola con tutti questi discorsi!Volete far chiudere l’unico stabilimento ancora funzionante in questa città?Nessuno vi forza di abitare a Stagno-Villaggio Emilio,visto che tutte le case nei dintorni sono state costruite molti decenni dopo la raffineria ed infatti costano molto meno sul mercato.Quindi se non ci state bene,andatevene da un’altra parte.

    1. # Bastaluoghicomuni

      Sottoscrivo. È proprio così. La raffineria è del 1936. E quella zona si chiama Stagno non a caso. Al tempo non c’era nulla. E se parlate di sicurezza informatevi dai sindacati che ci sono e non sono certo addomesticati, a quando risale l’ultimo infortunio…si parla di anni fa e fortunatamente non e’ stato niente di grave. Nei spende fior di milioni in igiene ambientale e sicurezza. Poi ovviamente si può sostenere sempre il contrario, giusto per partito preso.