Cerca nel quotidiano:


Bomba carta durante la messa di Natale

Paura all'interno della chiesa di Santa Caterina durante la celebrazione della messa di Natale. Un petardo, simile ad una bomba carta, è esploso e molti fedeli, impauriti, hanno preferito andarsene

Martedì 27 Dicembre 2016 — 11:55

Un forte boato, la mente che torna ai recenti attentati e in molti che fuggono dalla chiesa. Non è stata una messa di Natale esattamente tranquilla quella che hanno trascorso i fedeli la notte fra il 24 e 25 dicembre a Santa Caterina, in piazza dei Domenicani, nel quartiere Venezia. Intorno alle 00,15, trequarti d’ora dopo l’inizio della celebrazione, c’è stata infatti una forte esplosione, lato Scali del Refugio, all’altezza dell’ingresso laterale della chiesa. “Non si è trattato di un semplice petardo, ma qualcosa di più grosso simile ad una bomba carta” afferma Don Michele. Esternamente lo scoppio ha provocato il danneggiamento di alcune parti della porta. Internamente ha fatto letteralmente saltare, per diversi metri, la serratura metallica (foto Lanari). Lo scoppio è rimbombato in tutto l’edificio: “E’ stato un rumore incredibile, assordante – dice don Michele – amplificato dall’altezza, 63 metri, di questa struttura”.
Il parroco ha pensato subito ad una bravata e ha proseguito la funzione, mentre alcune persone hanno preferito andarsene. “Memori di quanto successo a Berlino – prosegue il parroco – o più in generale pensando a questo clima di paura molti hanno abbandonato la messa”.
Al termine della veglia è arrivata la polizia che ha effettuato un sopralluogo. Don Michele ha preferito però non sporgere denuncia: “Denuncia? E contro chi. Ignoti? Lascia il tempo che trova… In Venezia, specie nel weekend, si ritrovano decine di ragazzi. La situazione non è delle migliori. Sono pronto a collaborare con le istituzioni ma anche loro devono fare la loro parte garantendo maggiore sorveglianza della zona”. Anche perché, poco dopo questo episodio, sono state avvertite nel quartiere altre due esplosioni a distanza di poco tempo l’una dell’altra. “Anche in questo caso non si è trattato di semplici petardi” ha confermato Don Michele.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # Liburnico

    … ragazzi che si divertono… io li farei divertire in miniera, a scavare a mani nude!!! Sai che risate si fanno!!! Delinquenti!!!

    1. # Boia de

      e son ragazzini e si divertano, c’è ir capodanno, ma falla finita e ruzza pute te

      1. # Liburnico

        Esternamente lo scoppio ha provocato il danneggiamento di alcune parti della porta. Internamente ha fatto letteralmente saltare, per diversi metri, la serratura metallica!!! Non hai letto???

  2. # Meglio populista che pidiota

    Oltreche’ ai buonisti livornesi abbiamo anche il parrocco buonista ma lui lo fa per lavoro e si puo’ anco capire. Avanti cosi mi raccomando

  3. # Stefano

    A fare le strade con i genitori, vergogna é dire poco

  4. # Maurizio

    Per Boia de; non so se dici ciò per essere alternativo o hai livore ideologico; pensa a qualche anziano che vuole festeggiare il Natale a Messa e magari gli fanno prendere un malore dalla paura.
    Sai son tempi particolari non so se leggi i giornali.
    Anche io mi divertivo a far scoppiare petardi ma in campagna.

  5. # ago&filo

    Ora inizia il confronto tra i livornesi che dicono , sono bimbi lasciamoli fare, e quelli che dicono mandiamoli alla “gogna”: Ci sono anche le vie di mezzo, chi dice che sono bimbi (e va’ dimostrato) vuol dire che lo hanno fatto anche loro!!!. Quelli della “gogna” sono estremi,quindi dico che bisogna ammettere che manca molto buon senso
    in tutta la cittadinanza, in quanto assistiamo tutti i giorni a vandalismi di ogni genere, auto devastate, panchine
    scardinate, cartelli stradali piegati cassonetti dati alle fiamme, scritte sui muri, spazzatura abbandonata, mobili per strada ecc.ecc. Dobbiamo capire che tutto cio’ ha un costo e alla fine siamo sempre noi che paghiamo.
    L’insegnamento che dobbiamo dare alle nuove generazioni e’ fare capire che l’ordine e la pulizia va’ oltre la soglia
    di casa,vale per tutti ,grandi e piccini. Buon anno a tutti.

  6. # Nedo

    non passa serata che non si sentano le bombe carta scoppiare in qualche parte di Livorno! Bisogna essere veramente… per divertirsi cosi..e ve lo dice un ragazzo di 30 anni.

  7. # abitante

    potrebbe persino configurarsi il reato di procurato panico

    1. # publio quintilio

      De devi esse perry mason l’avvoato ….

    2. # ema

      …più quello di falso ideologico indotto dalla promulgazione di avvenimenti del passato di dubbia credibilità!!!

  8. # Franco

    Mi chiedo solo come è possibile giustificare anche lontanamente queste bravate. Il gesto che hanno fatto questi ragazzi è imperdonabile non tanto per i danni che hanno fatto ma per la scelta del momento. Come è possibile non capire il clima di tensione che stiamo vivendo ? Va bene giù, son sempre ragazzi no ?

  9. # al dolce

    Che strano i moderatori non hanno pubblicato il mio commento. Del resto non era offensivo., avevo solo detto che questa era meglio gioventù e che un poco di lavoro duro gli avrebbe fatto passare la voglia di fare certe cose. Così va meglio?

  10. # Alpassa

    Mi meraviglio che qualcuno si sia meravigliato! Sono tre anni che vengono esplosi veri e propri ordigni in varie parti della città per tutto il mese di dicembre e per tutta la notte . Ho visto colonne di fumo alte come palazzi di quattro piani. E non si riesce ad individuarlo per buona piace di chi deve subire il cretino che si diverte. Intanto siamo al danneggiamento e al procurato allarme, vediamo le prossime evoluzioni del fenomeno quale saranno, magari quando qualcuno si sarà fatto seriamente male magari il problema sarà investigato perché questo a casa deve avere un arsenale.

  11. # Massimo

    Siamo alla SBANDO PURO…..Chi scrive eh son ragazzini…. fa capire che il livello delle persone con cui abbiamo a che fare….. SIAMO ROBA DA TORTA ….. Un livornese vero che come principio ha il motto di difendere il diritto di tutti… come quello di andare serenamente alla Messa a Natale anche se uno non un cattolico….. MI VERGOGNO DI LEGGERE QUESTE COSE SU LIVORNO…..

  12. # steve

    vabbè, tanto Chirurgia della mano a Cisanello è vicina… prima o poi capita…