Cerca nel quotidiano:


Lui a casa, lei con il suo pass invalidi

Si impossessa del pass invalidi del proprio assistito e posteggia l'auto in un posto riservato ai disabili. E' accaduto alla Rotonda. La donna è stata smascherata dalla municipale

Lunedì 29 Agosto 2016 — 06:44

Mediagallery

Badante si impossessa del pass invalidi del proprio assistito e posteggia l’auto in un posto riservato ai disabili. E’ accaduto alla Rotonda. La donna è stata smascherata dalla municipale. Uno degli strumenti messi in campo dalla municipale per combattere quella che sembra una vera e propria epidemia di menefreghismo collettivo nei confronti degli utenti deboli della strada è appunto il controllo puntuale degli spazi invalidi. In area Rotonda spesso i cittadini con ridotta capacità motoria lamentano che i posti riservati sono occupati da soggetti che non ne hanno diritto. Il controllo non si ferma alla verifica dell’apparente presenza di un contrassegno invalidi bensì è molto più approfondito. La pattuglia, tramite gli operatori della sala operativa, effettua approfondite verifiche sul tagliando che mirano ad accettare che il titolare sia sempre in vita, ne abbia ancora diritto e possa effettivamente trovarsi nei pressi dell’auto sulla quale è esposto il relativo contrassegno. Proprio da un controllo, domenica 28 agosto, è stata individuata una signora che aveva parcheggiato su un preziosissimo spazio invalidi senza alcuna limitazione fisica che le impedisse di farsi due passi: la badante di un signore invalido durante il suo giorno libero dal lavoro di assistenza al portatore di handicap ha pensato bene di trattenere il contrassegno invalidi dell’assistito che, ignaro dell’abuso, si trovava nella propria abitazione. La donna ha parcheggiato su uno spazioso invalidi proprio di fronte all’entrata del boschetto della Rotonda.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb

Nuova apertura? Cambio sede? Lancio prodotto? Visibilità di 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivo https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]


25 commenti

 
  1. # freefree

    salare bene con una bella multa questa brava signora e che si ricordi che così non si fa

  2. # Liburnico

    molto contento che la abbiano colta sul fatto!!!

  3. # Luca

    Più che menefreghismo collettivo direi che è livornesità visto che altrove questi episodi sono molto più rari.

    1. # Paolo

      Concordo con la livornesità. Questo fine settimana ero al Parco Levante in macchina con il figlio neonato mentre la moglie acquistava alcuni oggetti. Eravamo nei posti rosa. In pochi minuti arrivate tre macchine: nessuna donna incinta (o nessuna donna) e nessun bambino piccolo. Tutte parcheggiate sotto al cartello che invita a lasciare il posto a questi due casi. Ma figurati cosa ne è importato a quelle persone. Il livornese è al di sopra delle regole e del rispetto.

      1. # babbudoiu

        invece nella altre città immagino il grande rispetto, basta guardare striscia la notizia quanti servizi ha fatto su questa cosa e non mi pare sia mai venuta a livorno

        1. # Luca

          Non ti offendere se il livornese fosse in grado di rispettare le regole, sarebbe in grado anche di accettare le critiche e l’amara verità. Ma la città ha quel che si merita: miseria, disprezzo e subalternità.

      2. # Paola

        C’è una bella differenza tra i posti rosa e i posti invalidi, l’invalido non puo scegliere di parcheggiare piu lontano perchè quei pochi passi in piu non sono possibili, le mamme sono giovani

    2. # cittadina

      Secondo me il termine ‘menefreghismo collettivo’ è perfetto!!
      Nella nostra città vige la prepotenza ..MORTE TUA VITA MIA!
      E’ così e non ci possiamo fare niente finche non ci sono controlli adeguati e RELATIVE SANZIONI pesanti, tipo togliere l’auto a chi si permette di togliere un diritto.
      Nel posto invalidi oggetto dell’articolo raramente è parcheggiata l’auto con all’interno l’invalido. Spero solo che questo fatto abbia svegliato qualcuno.
      Ma francamente ci credo poco.

  4. # Olmo

    Io non mi faccio intenerire da niente ma dico che gli è soltanto andata male perchè il giochetto lo fanno in tanti ma però hanno la scaltrezza di fare attenzione se gli fanno la posta.
    Riguardo ai posti occupati per i disabili io credo che in realtà tali posti siano in eccesso e se dovessero essere occupati tutti da veri invalidi la città sarebbe nei record.

    1. # gino

      quindi te conosci esattamente il numero di invalidi in città ed il numero di parcheggi a loro riservati. ce lo fai gentilmente sapere quanti sono ?

    2. # Simo

      Signor Olmo i posti riservati ai disabili non sono assolutamente in eccesso…vede io sono disabile e ho il tagliando ed ho anche la necessita di spostarmi per la citta proprio come fa lei. Un giorno vado in centro un altro vado al mare un altro ancora al cinema oppure semplicementr a fare la spesa al centro commerciale. Insomma siamo un po strani noi disabili ci piace girellare per la città e invece molti ci rinchiuderebbero in casa ad ammuffire.

    3. # Vito

      Che livornesità, che mancanza di cultura… I posti per disabili sono determinati per legge in rapporto al numero totale di spazi disponibili.

  5. # Marco Sisi

    Basta furbetti. Condividiamo tutti insieme su Facebook, Twitter, Google+, assieme all’hashtag #bastafurbettideipassinvalidi

  6. # Malizioso Troll

    se l’intenzione è quella di fare due passi, fanne altri due e parcheggia in uno spazio bianco, no? Il bello è che probabilmente questo giochino lo fanno anche alcuni di quelli che vanno a fare jogging sul lungomare. Se volete i posti per handicappati, prendetevi qualche handicap.

  7. # Carlo

    se sono invalido ho diritto, nei pressi della mia abitazione, ad un posto x invalidi. Quando poi io sarò deceduto … il posto rimane oppure viene ripristinato come era in precedenza ?

    1. # AnToNIO

      Quando la famiglia dichiara il decesso…vengono quasi subito a togliere il cartello. Le strisce in terra invece rimangono;ma tanto ciò che fa fede è la segnaletica verticale

  8. # Roby

    Forse sbaglio, ma mi pare che il num riportato sui cartelli per portatori di handicap sia superiore a 7000, base comunale, provinciale o altro, se su base comunale 160.000/7000 =25 una media molto alta ogni 4 livornesi, un avente diritto?

  9. # Onofrio

    Io abito in via provinciale pisana ,e tutte le auto con il permesso invalidi civili sono utilizzati esclusivamente dai figli ,mogli , e nipoti.
    Escluso qualche caso.
    Tutto per evitare di cercare il parcheggio!
    È una vergogna !!!

  10. # Dilvo

    ‘Sì voleva riprendere una libertà che ormai non abbiamo piu’.
    Ormai non ci muoviamo più senza macchina i servizi pubblici questo sconosciuti non vogliamo camminare, insomma c’è la siamo voluta, se vai in bici gli automobilisti ti vorrebbero ‘uccidere'( A volte ci riescono). Piste ciclabili fatte come il ‘maiale’
    Intendiamoci la multa hanno fatto bene a farla.

  11. # Eleonora

    Tutto ciò avviene anche davanti ai Bagni e nei parcheggi dei supermercati, e sono sempre le stesse persone, si dovrebbero vergognare ad occupare un posto del quale non hanno diritto, ha detto bene Malizioso, prendetevi anche qualche handicap.

  12. # ADRIANO

    in piazza mazzini vi è un posto disabili occupato spesso da un utilitaria con pass disabili, il problema che vedo sempre un ragazzetto saltellante arrivare salire sull’auto e andarsene, alla faccia dei disabili veri..

  13. # ADRIANO

    a esser sinceri quella zona con diversi posti per disabili è spesso occupata da auto non aventi diritto ne ho contate tre di fila senza pass

  14. # justice

    I sacrosanti permessi invalidi vanno dati a chi è invalido con difficoltà di deambulazione gli altri invalidi che non hanno questo problema possono benissimo parcheggiare dove parcheggiano tutti

  15. # massimo

    Segnalare ai vigili i falsi invalidi. Non in un commento su Quilivorno.it

  16. # Kristy

    Mi auguro che non vi siano altri casi di uso improprio dei pass. invalidi.
    Con il menefreghismo e maleducazione ormai all’ordine del giorno, ho i miei dubbi.