Cerca nel quotidiano:


Cavalla abbandonata sequestrata dai carabinieri ed affidata alla LAV

A fronte del sostanziale disimpegno sia della proprietaria che della custode di fatto dell’animale, i carabinieri forestali hanno ipotizzato il reato di abbandono di animale previsto e punito dal codice penale con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda fino a diecimila euro

Giovedì 5 Maggio 2022 — 13:04

Mediagallery

A seguito di specifiche segnalazioni, i carabinieri della Stazione Forestale di Montenero all’interno di un’azienda agricola hanno proceduto nei giorni scorsi al sequestro di una cavalla che non veniva accudita da molto tempo da parte dei proprietari. L’azienda si trova nel comune di Rosignano Marittimo.
La cavalla – come si legge in un comunicato stampa inviato alle redazioni dall’ufficio stampa dei carabinieri forestali – è una purosangue di tredici anni ed è stata trovata libera all’interno dell’azienda, nutrita in modo del tutto volontario a cura di un vicino di casa che ha provveduto personalmente alle spese di sostentamento a fronte dell’abbandono da parte della proprietaria, una donna, che aveva incaricato la figlia di accudire l’animale.
A fronte del sostanziale disimpegno sia della proprietaria che della custode di fatto dell’animale, si è ipotizzato il reato di abbandono di animale previsto e punito dal codice penale con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda fino a diecimila euro.
Lo stato di abbandono riguarda l’intera azienda agricola ed al riguardo sono in corso ulteriori accertamenti per individuare altre eventuali responsabilità. La cavalla sottoposta a sequestro è stata affidata dal Tribunale di Livorno ai volontari delle Lega Anti Vivisezione (LAV), che hanno provveduto a trasferirla in un posto idoneo e ad accudirla correttamente con cibo, acqua e le necessarie cure veterinarie.

Riproduzione riservata ©