Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Shock anafilattico, infermiera salva centauro

Lunedì 8 Agosto 2016 — 07:15

Soccorso provvidenzialmente da una caposala che stava transitando in quel momento. L'uomo è stato poi trasportato in pronto soccorso anche grazie all'ausilio degli agenti della municipale

di Giacomo Niccolini

Stava procedendo in Variante, direzione nord, in sella al suo T-Max, con a bordo la moglie, nella giornata di giovedì 4 agosto, intorno alle 18,30. Un uomo di circa 40 anni è stato sfortunatamente punto all’improvviso da un insetto che lo ha colpito sopra lo zigomo sinistro. Una reazione inaspettata. Il motociclista ha iniziato pericolosamente a sbandare a destra e a sinistra, zigzagando sulla carreggiata. Dopo alcune centinaia di metri è riuscito a frenare accasciandosi sull’asfalto: uno shock anafilattico, a causa della puntura dell’insetto, non lo stava facendo più respirare.
Drammatici i momenti in cui la moglie ha provato a sbracciarsi in Variante per chiedere aiuto mentre il marito era disteso al suolo con la moto sdraiata su di un fianco a pochi metri di distanza.
Per loro fortuna in quel momento stava transitando sulla strada un’infermiera caposala dell’ospedale di Livorno che, alla vista della moglie disperata che si stava sbracciando, ha rallentato fino a fermare la corsa con le quattro frecce. Uscendo dall’abitacolo ha iniziato a prestare i primi soccorsi al motociclista. Nel frattempo è partita la macchina dei soccorsi. In Variante si sono precipitati gli agenti della municipale in moto che hanno fatto strada ad un’ambulanza del 118 i cui soccorritori giunti sul posto hanno poi caricato il motociclista a bordo del mezzo trasportandolo all’ospedale dove è stato preso in cura dai medici di turno. Il centauro, ricoverato per i relativi accertamenti, se la caverà con sette giorni di prognosi.

Condividi:

Riproduzione riservata ©