Cerca nel quotidiano:


Controlli a tappeto nelle aree del quadrilatero Buontalenti

I rinforzi garantiti dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza alla questura di Livorno hanno consentito numerosi controlli nelle aree del quadrilatero del Buontalenti e piazze adiacenti

Sabato 18 Settembre 2021 — 12:56

Mediagallery

Dopo la riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica riunito d’ urgenza dal prefetto, d’intesa con il questore e i comandanti provinciali dei carabinieri e della guardia di finanza è stato deciso di “procedere alla immediata intensificazione dei servizi in modo da offrire una decisa risposta alla inaccettabile violenza dei giorni scorsi” (foto questura). I rinforzi garantiti dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza alla questura di Livorno hanno consentito un forte impatto sulla attività di controllo del territorio nelle aree del quadrilatero del Buontalenti e nelle piazze adiacenti come piazza della Repubblica, piazza XX settembre e piazza Garibaldi. Questi i risultati: 70 persone identificate, 4 posti di controllo, 28 veicoli controllati, 1 custodia cautelare in carcere a carico di un marocchino; 1 custodia cautelare in carcere a carico di un altro marocchino sottoposto a detta  misura come aggravamento dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per la ripetuta inosservanza; 1 misura di custodia cautelare in carcere a carico di un tunisino sottoposto a tale misura in sostituzione di quella dell’allontanamento dalla casa familiare a seguito di indagine per maltrattamenti in famiglia (tutti sono stati associati alla casa circondariale di Livorno), 3 perquisizioni domiciliari di cui due hanno dato esito positivo. A casa di un tunisino sono stati rinvenuti una lama di coltello, un coltello a serramanico e un pugnale. A casa di un altro tunisino sono stati rinvenuti uno scooter compendio di furto con targa rubata, un pugnale, 2,17 grammi di cocaina, una bilancina di precisione, vari telefoni cellulari e 650 euro. Pertanto è stato denunciato per reati di ricettazione, detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, detenzione abusiva di armi. Il tutto è stato sequestrato. Contestualmente, fa sapere la questura, si sta lavorando nella consueta e strutturata collaborazione con la polizia municipale a  verificare l’anagrafe delle telecamere disponibili ed individuare le aree da implementare.

Riproduzione riservata ©