Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Crolla il tetto dell’asilo: tragedia sfiorata

Mercoledì 12 Maggio 2021 — 17:55

Contattata la titolare della struttura da QuiLivorno.it, Martina Perassi assicura: "Nessuno si è fatto male. E' andata bene. All'interno dell'asilo a quell'ora vi erano solo tre bambini e per fortuna da tutt'altra parte rispetto al crollo"

La terrazza che funge da tetto sovrastante una porzione dell'asilo nido privato "L'isola che non c'è" è crollata improvvisamente intorno alle 17,15 di mercoledì 12 maggio

di Giacomo Niccolini

Paura in pieno centro per una tragedia sfiorata quando, intorno alle 17,15 di mercoledì 12 maggio, un boato ha fatto sobbalzare i residenti di via Michon e delle zone limitrofe. La terrazza che funge da tetto sovrastante una porzione dell’asilo nido privato “L’isola che non c’è” è crollata improvvisamente, come si può vedere dalla foto in pagina inviata alla redazione da un nostro lettore (sotto alla foto principale si può accedere alla gallery delle immagini scattate e fornite alle redazioni dal Centro Documentale dei vigili del fuoco di Livorno).
Per fortuna non si registrano feriti. “All’interno della struttura a quell’ora vi erano rimasti soltanto tre bambini – spiega in lacrime la titolare dell’asilo, Martina Perassi – e per fortuna erano lontani dalla zona del crollo. Appena sentito il boato le maestre sono uscite fuori insieme ai piccoli e hanno chiamato subito i vigili del fuoco che sono intervenuti immediatamente per il sopralluogo sul posto e per determinare le cause del crollo. Quello che posso dire che quello che è accaduto non dipende dalla nostra struttura ma si tratta del crollo della terrazza che insiste sopra la sede. Per fortuna i bambini e le maestre stanno bene, nessuno si è fatto male o si è ferito. Ma adesso come facciamo? Siamo rovinati. E’ un danno enorme”, chiosa sgomenta Martina Perassi.
I vigili del fuoco sono al lavoro per mettere in sicurezza la zona e per accertare le cause che hanno portato al crollo di questa porzione di struttura.

Condividi:

Riproduzione riservata ©