Cerca nel quotidiano:


“Dammi i soldi e stacca le luci”. Rapina con pistola alla sala slot

Il malvivente, coperto da una bandana, si è fatto consegnare l'incasso (circa 5-6 mila euro) per poi fuggire. La vittima: "Appena ho visto la pistola ho pensato ai miei figli. Non ho voluto fare l'eroe anche se sono uno che nella vita ha paura di poco"

venerdì 07 settembre 2018 16:02

Mediagallery

Rapina alla sala slot di piazza della Repubblica (foto Lanari). E’ accaduto intorno alle 10 del 7 settembre quando, secondo quanto ricostruito, un uomo con il volto travisato dopo aver minacciato con una pistola l’impiegato si è fatto consegnare il denaro contenuto nella cassaforte: circa 5-6 mila euro. Subito dopo si è dileguato facendo perdere le proprie tracce. I carabinieri giunti sul posto hanno perlustrato la zona e hanno acquisito i filmati delle telecamere.
L’impiegato, Massimiliano Buonaccorsi, 48 anni, aveva aperto il locale, come da orario, da pochi minuti. Si era recato a svuotare i condizionatori soffermandosi poi a fare due chiacchiere con il negoziante accanto. Rientrando non ha fatto in tempo a chiudere la porta. Si è avvicinato il rapinatore che gli ha puntato la pistola. Il bandito, descritto dalla vittima con cappuccio e una sorta di bandana utilizzata per coprirsi il volto, alto 1,70-1,75 cm, corporatura robusta, ha parlato con un italiano un po’ stentato, accento straniero: “Dammi i soldi e stacca le luci”, ha intimato a Buonaccorsi. Che, vista la situazione, non ha avuto scelta. “Appena ho visto la pistola puntata, di colore scuro e tra l’altro senza il classico tappo rosso, ho pensato ai miei figli – ha detto al nostro cronista sul posto – Non ho voluto fare l’eroe anche se sono uno che nella vita ha paura di poco. Vi assicuro che quando vedete uno con la pistola andate in tilt”. Dopodiché, Buonaccorsi sotto la minaccia dell’arma ha consegnato i soldi al malvivente che li ha messi dentro una busta di plastica. “Poi mi ha detto di andare in bagno e di uscire dopo un po’”. La chiave del bagno non era presente. Così il 48enne, quando ha sentito chiudere la porta, dopo pochi secondi è uscito e ha fatto partire l’allarme. Nella sala slot non erano presenti clienti. Il tutto è durato circa 3-4 minuti.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.