Cerca nel quotidiano:


Delitti in calo dal 2018 al 2019

Il numero dei delitti è passato da 16.230 a 14.601. Invariato il numero degli omicidi consumati (1 nel 2018 e 1 nel 2019), aumento dei tentati omicidi (da 2 a 5) e degli omicidi colposi (da 7 a 10)

Lunedì 30 Dicembre 2019 — 16:00

Mediagallery

Relativamente alla provincia, l’analisi dei dati concernenti il periodo di riferimento
del 2019 rispetto al corrispondente periodo del 2018 fa registrare un decremento del
numero complessivo dei delitti passati da 16.230 a 14.601. Rimasto invariato il numero degli omicidi consumati (1 nel 2018 e 1 nel 2019), si registra un aumento dei tentati omicidi (passati da 2 a 5) e degli omicidi colposi (7 nel 2018 e 10 nel 2019). Per il resto si registra un calo generalizzato di lesioni dolose (passate da 530 a 478), percosse (da 98 a 82), minacce (da 422 a 417). Analogo calo riguarda i reati contro il patrimonio con riguardo ai furti (da 8647 a 7594) e le rapine (da 134 a 87); tra questi, in controtendenza sono solo i furti di motocicli, in quanto si è passati dai 417 del 2018 ai 552 del 2019. Nell’arco dell’anno passato sono state controllate dalla Polizia di Stato 113.316 persone, 54.138 veicoli e arrestate 144 persone. Di non minor valore è comunque l’attività connessa al Soccorso Pubblico, di cui qui di seguito, si ricordano alcune situazioni affrontate e risolte dal personale dell’UPGSP: 9 persone salvate ed un cane. Copioso è stato l’impegno della Divisione Anticrimine per l’attività di contrasto posta in essere con le misure di prevenzione e soprattutto per l’attenta attività di analisi che ha orientato efficacemente la nostra azione nel controllo del territorio. Negli ultimi mesi sono stati, infatti, emanati dalla stessa Divisione 153 misure di prevenzione personale emesse del Questore nonché 10 Divieti di Accesso in Aree Urbane alla luce dei Decreti Sicurezza sul decoro urbano. Notevole è stato l’impegno anche del personale della Divisione Polizia Amministrativa, che ha saputo ben coniugare l’importante servizio del rilascio dei passaporti e dei porti d’arma con rigorosi controlli amministrativi, 10.237 passaporti
e circa 1525 porti d’arma per uso caccia ed uso sportivo e 261 esercizi pubblici
controllati. Proficua è stata anche l’attività di indagine svolta con professionalità dalla Squadra
Mobile che è riuscita a concludere importanti operazioni coordinate dalla Procura
della Repubblica. Il dato più significato è da ricollegare al contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti con un cospicuo aumento degli arresti, ma non vanno trascurati i dati
attinenti alla repressione di altri gravi reati. L’intensa attività di repressione ha consentito di portare a termine operazioni ragguardevoli in questo provincia, sequestrando 564 kg di marijuana, 882 Kg di hashish, 472 Kg di cocaina, nonché gr. 71 di eroina. Significative al riguardo sono
le operazioni condotte in collaborazione con la Polizia di Frontiera Marittima e con l’Ufficio delle Dogane del 6 novembre che hanno portato al sequestro in ambito portuale di 472 Kg di cocaina e quella dell’11 novembre sempre in ambito portuale con il sequestro di 613 Kg di hashish. Consapevoli del fatto che la repressione non basta è stata avviata una intensa attività di confronto con il mondo giovanile.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.