Cerca nel quotidiano:


Nei guai 18enne: era il pusher di un giovane morto per overdose. Indagato anche per la rissa in p.zza Cavour

Nell'inchiesta decisivi i tabulati telefonici e il supporto delle telecamere di sicurezza installate in pieno centro

Mercoledì 11 Ottobre 2017 — 15:31

Mediagallery

Tutto è iniziato quando nel febbraio scorso un giovane livornese morì per overdose. L’autopsia disposta dal pm Fiorenza Marrrara della procura della Repubblica di Livorno stabilì che ad ucciderlo fu una dose letale di cocaina e metadone. Per questo motivo venne aperto un fascicolo penale per “morte come conseguenza di altro reato”.
I tabulati telefonici parlano chiaro: il 18enne tunisino, arrestato nel pomeriggio di martedì 10 ottobre dalla Squadra Mobile – che aveva provato a spacciarsi per palestinese per evitare il rimpatrio e che risponde al nome di Ahmed Chouchoui – è stato il pusher del livornese che la sera prima del suo decesso comprò da lui della cocaina dopo alcuni contatti telefonici registrati e schedulati (ecco il link al video delle perquisizioni a casa dell’arrestato e le voci degli agenti durante la cattura del giovane 18enne. https://youtu.be/B2syIseYSTA).

IL DIRIGENTE DELLA SQUADRA MOBILE SALVATORE BLASCO

Lo stesso Ahmed Chouchoui è ritenuto dagli investigatori uno dei protagonisti della rissa di piazza Cavour di sabato 12 agosto e per questo nei suoi confronti è scattata la denuncia per lesioni gravi. “Siamo riusciti ad individuarlo nitidamente – spiega il dirigente della squadra mobile Salvatore Blasco – non tanto grazie al video del cittadino che ha ripreso la scena, in quanto in quelle immagini non era facilmente riconoscibile, quanto grazie ad alcune immagini di una telecamera di sicurezza pubblica installata nella zona che ha inquadrato senza ombra di dubbio il volto del personaggio mentre sferrava un colpo di bottiglia ad un marocchino”.

Le indagini sono andate avanti per mesi e hanno portato all’arresto in concorso per spaccio di sostanze stupefacenti di altri quattro personaggi. Tra le misure restrittive emesse dalla procura ce n’è una nei confronti del 25enne Ammar Yassine, il quale risulta attualmente ricercato, di Moussa Ibrhaim tunisino del 1990 e Bardoui Abdeler, entrambi arrestati ad aprile per spaccio a minorenni, e Garfield Firas arrestato perché evaso dal regime degli arresti domiciliari.

Riproduzione riservata ©

11 commenti

 
  1. # amaranto67

    vien da chiedersi per quale motivo sono qua, non sono rifugiati ne appartengono a minoranze perseguitate, non hanno lavoro onesto e nemmeno lo cercano, spesso non hanno nemmeno un indirizzo al quale rintracciararl, in piu delinquono mettendo a repentaglio la sicurezza pubblica… ci spiegate per quale motivo dobbiamo “ospitarli”?

    1. # Pallemosce

      Semplice a questi qui vogliono dare diritto di voto. Ne hanno persi talmente tanti che ne importano a secchiate. Non importa chi sono, cosa fanno e dove stanno hanno un loro preciso scopo.

  2. # roberto

    La politica si interroga poi sulla pericolosità dei populismi… finché ci sono leggi che palesemente non difendono le persone oneste (in questo caso certi ceffi stranieri andrebbero in un paio d’ore accompagnati alla frontiera e imbarcati sul primo aereo) e le persone non si sentono sicure i populismi avranno vita facile…
    volete togliere voti alla Lega ai razzisti ecc.? Fate leggi che facciano sentire più protetti i cittadini, respingendo immediatamente chi delinque! La destra populista si batte in questo modo. Nessuno ce l’ha con gli stranieri, quello che fa paura é la miseria e la delinquenza…

    1. # LaMiche

      la destra populista e soprattutto la lega sono quelle che hanno prodotto l’attuale legge sull’immigrazione. A discorsi sono tutti sceriffi, poi però si fanno i conti con la realtà, che loro conoscono bene, ma che non gli giova spiegare, perché sennò poi con cosa li raccattano i voti dei non-pensanti ?

      Hai mai provato a parlare con un poliziotto, o con qualche funzionario della questura sulla questione del rimpatrio degli immigrati? Le procedure , i costi , il diritto internazionale ecc…ecc.. No? io l’ho fatto e ti consiglio di farlo anche a te, così magari ti cali nella realtà e ti rendi conto di quanto ti prende per i fondelli un Salvini qualsiasi .

      1. # RAm

        meno male ci sei tu che invece pensi……….e non arrivi a capire che uno come salvini tutti questi “poveri profughi” neanche li avrebbe fatti entrare risolvendo così il problema all’origine.

      2. # Orso

        Ci prendono per i fondelli in parecchi Lamiche …
        Vero il discorso dei non-pensanti , ma vero anche il fatto che certe leggi , indipendentemente da chi le abbia fatte e dal MOMENTO ( diverso da quello attuale ) in cui sono state fatte , dovrebbero essere cambiate e questi ceffi rimpatriati il prima possibile con diffida a rientrare in Italia pena gravi sanzioni .

  3. # Mario

    Ottimo lavoro. Speriamo che i giovani si scoraggiano e smettano di comprare veleno da questi delinquenti che nel nostro paese, grazie a norme macchinose, hanno via libera di fare quel che vogliono.

  4. # Orabasta

    Un grazie alle forze dell’ordine. Buon lavoro

  5. # Alessandro

    abbiamo uno Stato semplicemente vergognoso, queste notizie non si dovrebbero leggere pervhe’ se questa persona delinque, e’ perche’ lo Stato glielo permette…CHE SI SMETTA UNA VOLTA PER TUTTE DI OFFENDERE LA NOSTRA INTELLIGENZA E FERIRE LA NOSTRA DIGNITA’!

  6. # nocchiopi

    Bravo Blasco come te mai nessuno!!!

  7. # John

    Sono i sempre i soliti, tra due settimane sentiremo ancora il suo nome in qualche altro articolo di reati commessi nel nostro paese.