Cerca nel quotidiano:


Droga, sgominata banda: 30 cessioni al giorno a clienti 20enni. Dove spacciavano

Sono dieci le persone interessate dai provvedimenti emessi dal gip. Ecco le modalità di vendita della droga e a chi cedevano lo stupefacente

giovedì 18 Luglio 2019 08:15

Mediagallery

Alle prime luci dell’alba di giovedì 18 luglio, su disposizione della procura della Repubblica di Livorno, la squadra mobile di Livorno, in collaborazione con l’ufficio investigativo della questura di Lecce, ha eseguito l’ordinanza di applicazione di alcune misure cautelari personali emessa dal Gip del tribunale di Livorno, nei confronti di 10 persone (nella foto la dirigente della squadra mobile livornese, Valentina Crispi, e il questore Lorenzo Suraci)
Si tratta di uomini (di età compresa tra i 33 e i 23 anni) di nazionalità albanese, tunisina ed italiana, che avevano costituito un gruppo criminale dedicato alla vendita di sostanze stupefacenti realizzata nelle principali piazze di spaccio della città di Livorno. Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari personali, si stanno eseguendo, in queste ore, 13 perquisizioni domiciliari e personali ordinate dall’autorità giudiziaria.
Di questi dieci, tutti ritenuti responsabili del reato di detenzione e cessione di sostanza stupefacente, tra cui cocaina, eroina, marijuana e anfetamina (art 110 c.p, 73 DPR 309/1990), quattro sono finiti in carcere, ad una persona è stato comminato l’obbligo di firma e a 5 persone l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. In questo contesto altre tre persone sono state denunciate a piede libero.
Trenta cessioni al giorno – L’attività d’indagine, svolta attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, nonché servizi di osservazione e pedinamento, ha permesso di documentare e riscontrare numerosissime cessioni di sostanza stupefacente da parte degli indagati, circa 30 al giorno nel periodo compreso da maggio al dicembre del 2018.
Le piazze dello spaccio – I poliziotti della squadra mobile hanno concentrato la loro attenzione investigativa su vari pusher stranieri e italiani impegnati, quotidianamente, nell’attività di spaccio di droga nelle principali piazze cittadine. Stiamo parlando di via Garibaldi, piazza Garibaldi, piazza della Repubblica, piazza XX settembre, piazza Cavour, piazza Grande, piazza del Municipio, il mercato ortofrutticolo di piazza Cavallotti, via Giordano Bruno e all’interno dell’ex Stazione San Marco. Sono queste le zone in cui i pusher cedevano droga a giovani clienti, per lo più italiani. “L’eta dei clienti si aggira tra i 20 e i 25 anni – spiega la dirigente Valentina Crispi – Nei mesi di indagine ne avremo fermati circa un centinaio. Sono tutti giovanissimi. Si parla di studenti in alcuni casi, studenti universitari in altri casi ancora, che telefonavano ai pusher stranieri per approvvigionarsi della droga”.
Le modalità dello spaccio – L’attività di spaccio era ben strutturata: l’acquirente si accordava telefonicamente con lo spacciatore per avere indicazioni circa il luogo in cui poter acquistare la dose di stupefacente e, ricevute le informazioni richieste, si recava all’appuntamento, in zone della città di volta in volta sempre diverse. Inoltre, in questa prima fase avveniva la sola consegna del denaro, mentre, poco dopo, un altro soggetto con il ruolo di mero pusher, in un luogo poco distante, effettuava la consegna della droga. Queste modalità rendevano, secondo gli indagati, più sicura la vendita illecita di droga poiché la stessa veniva eseguita da persone diverse e in luoghi diversi.

Riproduzione riservata ©

21 commenti

 
  1. # Marco

    Ormai sono più vendute droghe e droghelle del pane. POVERA LIVORNO!

    1. # MAX

      Difatti il problema riguarda solo Livorno , non l’Italia il mondo intero !! No povera Livorno…povero TE !!

      1. # Marco

        Grande..

        1. # Forza bui passa le cee

          Ma grande di osa!

      2. # Tozzi-fan

        Saranno anche problemi del mondo, ma te vivi a Livorno non da un’altra parte.

      3. # Marco

        A Livorno ogni giorno da anni si sentono notizie di sequestri massicci di droga inutile nascondere la verità a Livorno la droga abbonda perché evidentemente abbondano anche chi ne fa uso il problema sarà nazionale ma di sicuro Livorno sta al passo.

        1. # Franco49

          Bravo

      4. # Franco49

        Bravo

  2. # Mr. Perfetto

    In piazza dei Mille e dintorni il mercato non si ferma mai…
    In ogni caso, io non parlerei di ” cessione” ( che si fa tra amici, io compro a 10 e ” cedo” a 10) ma di puro spaccio . Spero continuino le indagini sul terreno perché tutto avviene sotto gli occhi di tutti.

    1. # mrRobot

      Bravo hai detto bene. Speriamo controllino non solo il centro città, non è facile trovare gente che compie attività sospette giardini stazione e zona ex corallo dove c’è quel palazzo da anni abbandonato che doveva essere chiuso.. e invece hanno riaperto sfondando le reti…
      Andate a vedere che succede …

  3. # Roger

    Se iniziassero a controllare chi passa le giornate a non fare nulla nei bar e a giocare alle macchinette con non si sa quali soldi forse qualche arresto in più scatterebbe

    1. # stefano

      concordo pienamente!!

    2. # carlo dinelli

      Infatti. Come fa la gente che non fa un tubo dalla sera alla mattina, ad avere soldi da giocare in slot machines?

  4. # Antonio

    ..non credo proprio riguardi il MONDO INTERO!!!
    Prova in alcuni paesi a spacciare o comprare la droga !!!
    …e ti passa le “ruzze”!!!
    Uno di questi è proprio la Tunisia!!!
    …Ecco perché sono tutti da noi!!!!
    A lavorare!!!

  5. # MARCO 55

    Ci vogliono LEGGI e PENE
    più SEVERE e REALMENTE
    COMMINATE.

    1. # carlo dinelli

      Concordo!

  6. # Libero

    “CESSIONE”
    Leggo sul vocabolario Treccani:
    cessione, sostantivo femminile.
    1) atto con cui si trasferisce ad altri, un diritto o un bene
    2) cambiale commerciale avuta in pagamento
    Qualche esempio:
    -cessione del contratto
    -cessione del credito
    -cessione di beni ai creditori
    -cessione del quinto dello stipendio
    -cessione territoriale (in diritto internazionale)
    Qualcosa a che fare con lo “spaccio di droga”?

    1. # Simona Bertotto

      Indubbiamente l’italiano è molto importante, ma il punto non è tirar fuori dai Treccani un sostantivo e darle un significato proprio, ma come tutelare questi giovani ragazzi e secondo me si perde il lume della ragione!

    2. # carlo dinelli

      Hai detto tu stesso che la cessione è un “atto in cui si trasferisce ad altri un diritto o un bene”, quindi, la “cessione” di droga è lo “spaccio”

      1. # Mr. Perfetto

        Allora, giornalisticamente, chiamiamola spaccio.
        Non alleggeriamo.

  7. # Libero

    Carlo Dinelli, perché tu, la droga, la consideri un “diritto” o un “bene” da cedere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.