Cerca nel quotidiano:


E’ ai domiciliari ma spaccia dal terrazzo

I carabinieri hanno notato uno strano via vai di persone che si avvicinavano alla sua abitazione. E' finito così nei guai, per detenzione ai fini di spaccio, un 45enne livornese già detenuto tra le mura domestiche per motivi legati alle sostanze stupefacenti

sabato 27 ottobre 2018 13:19

Mediagallery

Tra i tanti servizi di controllo del territorio messi in campo dai carabinieri c’è quello relativo ai detenuti in regime di arresti domiciliari e ai sorvegliati speciali. In totale, nella giornata di venerdì 26 ottobre, sono state controllate 18 persone sottoposte a misure restrittive.
Tra queste anche E.C., 45enne livornese, detenuto tra le mura domestiche per reati commessi in materia di sostanze stupefacenti. I carabinieri, arrivati a pochi metri di distanza dalla sua abitazione, hanno subito notato uno strano via vai di persone che si avvicinavano fugacemente al terrazzino di quella casa, scambiandosi qualcosa con il 45enne. I militari hanno subito deciso di controllare due di queste persone che sono state trovate in possesso di quasi un grammo e mezzo di hashish a testa. Mentre uno dei due ha dichiarato ai militari di aver acquistato la droga proprio dal detenuto ai domiciliari, l’altro ha provato a negare quanto accertato dai carabinieri e, pertanto, è stato denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria per favoreggiamento personale.
Entrambi sono stati segnalati alla prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti. Il 45enne è stato sottoposto ad una perquisizione domiciliare ed è stato trovato in possesso di ulteriori 9,5 grammi di hashish e di un bilancino di precisione utilizzato, con tutta probabilità, per pesare la droga. Per questo è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Carlo

    molti paesi occidentali hanno liberalizzato l’uso delle droghe leggere. Se lo facessimo anche noi avremmo questi vantaggi : impiego delle forze dell’ordine in altri controlli ( mafia, criminalità e microcriminalità) , svuotamento delle carceri per i detenuti per questi reati , alleggerimento dei processi per questi reat e quindi accellerazione degli altri.

    1. # Susanna

      Sono pienamente d’accordo. Vorrei aggiungere Carlo che almeno in questo caso le forze dell’ordine sono state impiegate per intervenire su un evento di illegalità. E tutte quelle impegnatele domeniche per cercare di limitare i danni dei barbari” tifosi” delle partite di calcio? Elicotteri, polizia e carabinieri magari (giustamente) pagati per servizio straordinario per colpa degli imbecilli che niente hanno a che fare con lo sport…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive