Cerca nel quotidiano:


Evade e tenta il furto con spaccata: arrestato

Finisce in manette un 27enne livornese, già ai domiciliari, responsabile del furto all'interno di una stazione di servizio. Si era introdotto all'interno spaccando il vetro con la grata di un tombino

martedì 05 Novembre 2019 16:30

Mediagallery

Evade dai domiciliari, si “arma” della grata di un tombino e si rende protagonista di un furto con spaccata. Per sua sfortuna, però, finito male, grazie alla tempestività dei carabinieri che lo hanno subito bloccato e nuovamente arrestato. Il tutto è accaduto nella notte tra lunedì 4 e martedì 5 novembre quando i carabinieri del Radiomobile hanno messo le manette ai polsi ad un 27enne livornese. I militari stavano effettuando un servizio di controllo del territorio nella zona sud della città. Mentre si trovavano nei pressi della Caserma “Vannucci” di via dell’Ardenza, la pattuglia ha sentito dei forti rumori provenire dal vicino distributore di carburanti “Eni”.
Gli uomini della caserma di viale Fabbricotti si sono immediatamente portati sul posto, con le opportune cautele e con gli accorgimenti necessari per riuscire a sorprendere eventuali malviventi.
Il 27enne all’arrivo dei militari dell’Arma, ha lanciato il registratore di cassa a terra e si è dato repentinamente alla fuga attraverso un varco aperto con la grata di un tombino di metallo nella porta a vetri della stazione di servizio. I due carabinieri, dopo un rapido inseguimento a piedi, sono riusciti a bloccare il malvivente che aveva anche scavalcato il muro di recinzione di un condominio per cercare di guadagnarsi la fuga.
Una volta bloccato, il 27enne ha anche opposto resistenza e ha tentato di divincolarsi spingendo più volte uno dei due carabinieri.
Il 27enne è stato subito riconosciuto in quanto ben noto alle forze dell’ordine. Dopo l’identificazione si è quindi subito scoperto che il 27enne era già agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio. Accompagnato dunque all’interno degli uffici del Nucleo Operativo e Radiomobile, si è proceduto alle formalità di rito, ravvisando la sussistenza dei reati di furto aggravato, evasione e resistenza a pubblico ufficiale. Il ladro è stato quindi arrestato ed è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa di udienza di convalida.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.