Cerca nel quotidiano:


Finge la vendita del Suv per evitare la confisca: condannato

Un imprenditore livornese di 71 anni è stato condannato ad un anno di reclusione per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte

venerdì 11 Ottobre 2019 13:15

Mediagallery

Condannato a un anno di reclusione per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Questa la sentenza pronunciata giovedì 10 ottobre dal tribunale di Livorno nei confronti di un evasore fiscale livornese di 71 anni (D.G. le sue iniziali, come comunicato in una nota stampa dalla Guardia di Finanza), già conosciuto per altre condanne definitive per reati tributari e fallimentari legati alla gestione di strutture turistiche e immobiliari sulla costa degli Etruschi.
A far luce sui comportamenti illeciti sono state le fiamme gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Livorno che, sotto la direzione della procura della Repubblica del capoluogo labronico, hanno quantificato l’effettiva ricchezza prodotta e nascosta al Fisco da parte dell’imprenditore.

Proprio per evitare che l’Amministrazione finanziaria potesse aggredire i suoi beni, l’imprenditore-evasore, appassionato di auto di lusso, aveva simulato la vendita di un costoso SUV, con cilindrata di 6000 cm3, al prezzo simbolico di 500 euro, a fronte di un valore di decine di migliaia di euro, nonostante il mezzo fosse colpito da fermo amministrativo.

L’acquirente della “finta vendita” era una società di comodo rappresentata da un livornese di 52 anni (Q.S. le sue iniziali, anch’esse comunicate dalla nota stampa della Finanza), manager delle società coinvolte nell’evasione, resosi compiacente anche in quest’occasione. Processato separatamente per questo e per altri reati tributari, è stato condannato dal tribunale di Livorno, con pronuncia poi divenuta definitiva dalla conferma in Corte d’Appello e quindi in Cassazione.
L’atto di vendita dell’autovettura era stato realizzato all’insaputa dell’effettivo amministratore della società acquirente, mediante la falsificazione della sua firma e l’utilizzo dei suoi ex documenti personali. Attraverso la ricostruzione documentale dei fatti e l’acquisizione di testimonianze, la Finanza di Livorno ha provato che l’operazione era stata inventata allo scopo di evitare la confisca del Suv.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.