Cerca nel quotidiano:


Forzano l’auto mentre il proprietario è a cena: arrestati

Due tunisini arrestati dalla polizia per tentato furto aggravato in concorso in via de Larderel: sequestrato un coltellino. L'automobilista ha udito l'allarme durante il pagamento del conto

lunedì 09 luglio 2018 10:20

Mediagallery

Due tunisini di 30 e 45 anni sono stati arrestati per tentato furto aggravato in concorso e associati alle Sughere dopo essere stati sorpresi dalla polizia mentre forzavano un’auto in via de Larderel sabato 7 luglio. Uno dei due è stato anche denunciato in stato di libertà per il porto abusivo di oggetti atti ad offendere (un coltellino multiuso probabilmente usato per forzare l’auto). La volante ha notato i due uomini sospetti durante un giro di pattugliamento in centro: uno in piedi a fianco delle portiere e l’altro all’interno dell’abitacolo. Notando che la volante si stava fermando i due sono scappati salvo poi essere bloccati dopo un breve inseguimento. Nel frattempo sul posto è arrivato il proprietario della vettura scoprendo il vetro posteriore destro forzato, parzialmente abbassato e scardinato dalle guide, e la relativa portiera aperta. L’uomo ha spiegato ai poliziotti di aver udito durante il pagamento del conto l’allarme sonoro di un’auto e di essere uscito per verificare se era proprio la sua. L’automobilista è stato invitato a formalizzare la denuncia.

Altra notizia – Denunciato in stato di libertà per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio un 26enne del Gambia sorpreso dalla polizia intorno alle 22 dell’8 luglio durante il servizio di controllo del territorio in piazza Garibaldi. Una volta fermato il giovane è stato trovato in possesso di 8 pezzetti di sostanza solida di colore marrone presumibilmente hashish  (52 grammi circa). Considerata la modalità di confezionamento (i pezzi erano ricoperti da pellicola in cellophane) e il possesso dello stupefacente (immediata disponibilità per la cessione a terzi), il 26enne è stato accompagnato in questura e qui denunciato.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive