Cerca nel quotidiano:


Fuori strada per sfuggire all’alt con a bordo 30 kg di droga: 2 arresti

I carabinieri nel bagagliaio dell'auto finita fuori strada dopo l'alt hanno trovato due borsoni di tela contenenti circa 30 kg di marijuana. Era evidente che l’uomo che si era dato alla fuga era un corriere della droga che stava portando a termine la consegna dello stupefacente

Giovedì 12 Novembre 2020 — 14:04

Mediagallery

In carcere alle Sughere di Livorno una coppia di cittadini albanesi di 34 e 50 anni. I carabinieri sono riusciti a mettere le manette ai polsi sia al corriere della droga che all'acquirente del grosso carico

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Livorno, nell’ambito di un servizio anti-droga, hanno arrestato due cittadini albanesi.
I militari dell’Arma, nello scorso week-end hanno notato girovagare una Ford C-Max con alla guida un uomo nella zona del Cisternino. I carabinieri, insospettiti, hanno quindi intimato l’alt all’autovettura ma il conducente, anziché fermarsi, tentava di darsi alla fuga uscendo fuori strada. Abbandonata l’auto, l’uomo è fuggito nelle campagne adiacenti.
I carabinieri nel bagagliaio della C-Max hanno trovato due borsoni di tela contenenti circa 30 kg di marijuana. Era evidente che l’uomo che si era dato alla fuga era un corriere della droga che stava portando a termine la consegna dello stupefacente. I militari del Nucleo Investigativo, in pochissimo tempo, hanno ricostruito le fasi salienti della trattativa identificando così sia il corriere che l’acquirente.
Il primo, un cittadino albanese di 34 anni, nei giorni scorsi è stato fermato per traffico illecito di un ingente quantitativo di droga. Perquisito, nella sua abitazione sono stati rinvenuti ulteriori 11 grammi di marijuana.
Su richiesta della procura della Repubblica di Livorno, mercoledì 11 novembre, il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere.
Il secondo, un 50enne, suo connazionale, è stato arrestato giovedì 12 novembre, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, per il concorso nello stesso reato. L’uomo è risultato gravato anche da un ordine di esecuzione di pena, emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Firenze, ed è stato arrestato dovendo scontare un anno, 10 mesi e 23 giorni di reclusione. I due cittadini albanesi sono stati accompagnati alla Casa Circondariale di Livorno.

Riproduzione riservata ©