Cerca nel quotidiano:


Furti nelle auto dei bagnanti: fermate tre donne con punte da trapano e forbici

La polizia ha fermato e denunciato tre donne, residenti in provincia di Pistoia, mentre si aggiravano intorno alle auto in sosta nei pressi del ristorante Calafuria. Sequestrati gli arnesi utilizzati dalle tre per aprire le vetture

giovedì 12 luglio 2018 13:02

Mediagallery

La polizia, rispondendo alle denunce di alcuni bagnanti relative a furti e danneggiamenti della propria vettura lungo il Romito, ha fermato e identificato nel pomeriggio dell’11 luglio tre donne tra 28 e 46 anni, residenti in provincia di Pistoia, che come spiegato in un comunicato dalla questura a bordo di un’auto con targa straniera si aggiravano con fare sospetto intorno alle auto in sosta nei pressi del ristorante Calafuria.
Accompagnate in questura per procedere ad un accurato controllo sulla loro identità addosso ad una delle tre, all’interno del reggiseno, una punta di ferro (di quelle che di solito si usano con il trapano) di 13 cm usata verosimilmente per infrangere i finestrini. Le tre donne sono risultate con precedenti di polizia per furto. All’interno dell’auto usata per gli spostamenti sono poi state rinvenute un paio di forbici da elettricista ed un cacciavite, oltre ad altre due punte da trapano di 15 cm. Alla fine sono state indagate in stato di libertà per il porto abusivo e ingiustificato di chiavi e grimaldelli e a tutte è stato notificato il foglio di via obbligatorio dal comune di Livorno.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive