Cerca nel quotidiano:


Furto nella notte da Ghiomelli: arrestato

Il titolare: "Non è la prima volta che accade. Per lo meno questa volta ho avuto la piccola soddisfazione di vedere arrestare il malvivente"

venerdì 08 Febbraio 2019 17:47

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Erano le 4,30 di venerdì 8 febbraio quando a casa Ghiomelli è scattato l’allarme collegato con il sistema di videosorveglianza presente all’interno del “Garden” di via Firenze. Il tempo di correre sul posto per il titolare, Riccardo, che già la polizia metteva le mani sul malvivente che si era intrufolato all’interno dei capannoni e stava cercando di sgattaiolare via con del materiale natalizio dal valore dal valore di un centinaio di euro. Il responsabile del gesto, un tunisino di 41 anni, già noto alle forze dell’ordine per alcuni precedenti penali, è stato arrestato dunque in flagranza di reato e subito processato la mattina di venerdì 8 febbraio nelle aule del tribunale di via Falcone e Borsellino. Arresto convalidato e misura cautelare dell’obbligo di firma alla polizia giudiziaria.
“Non è la prima volta che mi accade – commenta Riccardo Ghiomelli, contattato telefonicamente dalla redazione di Quilivorno.it – Magari fosse solo la prima volta. Alle 4,30 un tuffo al cuore. Suona l’allarme, ti vesti di fretta e furia, arrivi sotto la pioggia sul posto. Per lo meno questa volta ho avuto la piccola soddisfazione di vedere il ladro preso con le mani nel sacco. Anche se oggi a pranzo, dopo il processo, era già libero se pur con la misura cautelare dell’obbligo di firma. Lo scorso anno ci rubarono il furgone dall’interno del piazzale – continua Ghiomelli – siamo veramente stufi. Per non parlare dei furti che avvengono durante il giorno a negozio aperto. In questo periodo siamo chiusi per ferie e riapriremo lunedì 11 febbraio. Forse hanno pensato di approfittare di questo periodo di chiusura per poter agire tranquillamente senza pensare che ormai con i moderni sistemi di allarme appena metti piede qua dentro la polizia è praticamente già sul posto”.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # Yoghi

    Obbligo di firma??? Chissà che paura ora non ruba più di sicuro….

  2. # Carlo

    libero con obbligo di firma … non.. qualcosa non torna … in galera con obbligo di lavorare !!!!

  3. # Il bobbe

    Lavorare di giorno e in carcere tutto il resto della giornata .. macché obbligo di firma !

  4. # Fernando

    Domani ci ritorna…

  5. # Afess Aesoreta

    E che vuoi che sia, voleva festeggiare anche lui il Natale anche se un po’ in ritardo…

    1. # Ilnero

      Probabilmente festeggiava il Natale ortodosso ahahah

  6. # Libero

    Ma per dover essere rinchiusi in galera, è proprio indispensabile dover uccidere una persona, oppure, a momenti, non è sufficiente neppure commettere questo tipo di reato?

  7. # Michele

    ” Arresto convalidato e obbligo di firma alla polizia giudiziaria “, tra l’ altro ” già noto alle forze dell’ ordine per ALCUNI precedenti penali “…….. booooh!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.