Cerca nel quotidiano:


Furto nella notte in carrozzeria: auto come ariete, poi la fuga

Il titolare, Paolo Vaccari, a QuiLivorno.it: "E' la seconda volta che siamo vittime di furto. Stavolta hanno fatto anche parecchi danni strutturali"

Lunedì 16 Dicembre 2019 — 09:33

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

In retromarcia con un'auto, che poi hanno rubato, hanno spaccato l'ingresso. Una volta dentro hanno preso pc portatili, caricabatterie e un'autoradio

Hanno utilizzato un’auto parcheggiata all’interno dei locali come vero e proprio ariete e, in retromarcia, hanno spaccato l’ingresso della Carrozzeria Tre Ponti in via Mondolfi per poi scappar via veloci nella notte, tra domenica 15 e lunedì 16 dicembre, con la sirena dell’allarme che strillava e bussava alle prime luci dell’alba. A farne le spese è l’attività di Paolo Vaccari che, di buon’ora, è stato costretto al sopralluogo nella sua carrozzeria per capire quanto fosse successo. “E’ già la seconda volta che siamo nel mirino dei ladri. Siamo la prima delle aziende sulla lunga strada di via Mondolfi, all’Ardenza all’altezza dello svincolo della chiesa dell’Apparizione. Stavolta i malviventi si sono introdotti dentro e hanno agito in pochissimi secondi forse un paio di minuti. Hanno preso un’auto di un cliente ricoverata all’interno dei nostri capannoni – spiega rammaricato Vacccari mentre è in fila all’ufficio denunce della polizia in viale Boccaccio – e hanno spaccato l’ingresso in retromarcia. Qui hanno rubato alcuni pc portatili, dei caricabatterie e hanno rovistato all’interno di un’altra vettura, che era qui in officina, riuscendo a portar via l’autoradio. Poi hanno aperto il cancello principale, che dà sulla strada, e, mentre suonava l’allarme, sono fuggiti via rubando così l’auto con la quale avevano spaccato il portellone principale della carrozzeria. Purtroppo sono molti i danni strutturali che hanno fatto i malviventi con questo colpo. Siamo forniti anche di un impianto di video-sorveglianza. Spero che con le immagini registrate dalle telecamere gli investigatori possano risalire ai responsabili”.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Valerio

    TUTTI I GIORNI FURTI SEMPRE PIÙ FREQUENTI….ORA BASTA SIAMO STUFI …BASTA BASTA BASTA…BISOGNA FARE QUALCOSA …

    1. # Paolo

      Certo, dacci un’idea!

    2. # Anonimo

      Benvenuto a Livorno

  2. # 0586

    Vai in Questura o al comando dei Carabinieri a sentire se ci possono essere d’aiuto a Livorno…..Valerio