Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Guida in stato di ebbrezza, due patenti sospese nel weekend

Martedì 4 Ottobre 2022 — 09:48

Capillare azione di controllo dei carabinieri di persone e mezzi tra piazza della Repubblica, piazza XX Settembre e piazza dei Mille. Per uno dei due automobilisti è scattata anche la denuncia. Inoltre sanzionati un bar e un parrucchiere

Due sanzioni per guida in stato di ebbrezza, circa 5.000 euro in sanzioni amministrative comminati ad esercizi commerciali ed un’attività sospesa. È il bilancio di un fine settimana di serrati controlli svolti dalla Compagnia Carabinieri di Livorno con l’intervento dei reparti speciali del N.I.L. – Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e del N.A.S. – Nucleo Carabinieri Anti Sofisticazioni e Sanità. Come si legge in un comunicato inviato dall’Arma il 4 ottobre, i militari dell’Arma hanno svolto una capillare azione di controllo di persone e mezzi nell’area centrale della città tra piazza della Repubblica, piazza XX Settembre e piazza dei Mille. Serrati anche i controlli in materia di circolazione stradale durante i quali un uomo è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza: è stato controllato dopo che, evidentemente a causa dell’alcool, è uscito fuori strada con la propria autovettura senza, per fortuna, coinvolgere nessuno; oltre i 2 punti il tasso alcolemico rilevato con la legge che fissa il limite a 0,5. Sempre per guida in stato di ebbrezza è stato multato un giovane in zona Leccia: per lui non è scattata la denuncia poiché il tasso alcolemico rilevato era inferiore a 1,5. Per entrambi sospesa la patente e sottoposta a fermo l’auto.
Le attività di controllo hanno poi interessato diverse attività commerciali, in particolare i carabinieri del NIL di Livorno hanno sospeso l’attività di un bar nella zona del centro poiché priva del documento di valutazione rischi, indispensabile per garantire la sicurezza dei propri dipendenti, comminata anche una sanzione di euro 1.900. Per riprendere l’attività l’esercizio dovrà sanare le mancanze rilevate e versare un’ulteriore multa di euro 2.500. I NAS hanno invece sottoposto a controllo un parrucchiere, sempre ubicata nella zona del centro, dove sono state rilevate condizioni igieniche precarie e pertanto comminate sanzioni per oltre 1.000 euro.

Condividi:

Riproduzione riservata ©