Cerca nel quotidiano:


I Falchi scovano un ricercato: ora in carcere per 4 anni e 10 mesi

In carcere un 46enne italiano che si era reso irreperibile dopo la condanna definitiva. Aveva messo a segno diversi reati tra cui: furti, ricettazioni, truffe, sostituzione di persona e anche diverse evasioni da regimi detentivi alternativi

Lunedì 25 Gennaio 2021 — 09:15

Mediagallery

Nel corso degli ultimi mesi, si era trasferito con tutta la famiglia in tutt’altra zona della città ed aveva avuto un atteggiamento sempre assai prudente, proprio per far perdere le proprie tracce

Continua senza tregua l’attività della polizia finalizzata alla cattura dei  ricercati ed ancora una volta i Falchi della Squadra Mobile, a conclusione di un’articolata ed incisiva attività investigativa, hanno rintracciato ed arrestato un italiano di 46 anni che, condannato in via definitiva, nel mese di dicembre 2020, a 4 anni e 10 mesi di reclusione per una serie di reati commessi negli anni passati – in particolare, furti, ricettazioni, truffe, sostituzione di persona e anche diverse evasioni da regimi detentivi alternativi – era stato raggiunto da un ordine di carcerazione, al quale aveva cercato di sottrarsi, rendendosi di fatto irreperibile.

Le attività info-investigative avevano permesso di acquisire elementi utili ad individuare un’autovettura di cui il condannato aveva la disponibilità, che, nel corso degli specifici servizi sul territorio, è stata localizzata e monitorata incessantemente fino al momento in cui i poliziotti hanno avuto la certezza che sul mezzo vi fosse proprio il ricercato. L’uomo è stato bloccato mentre si accingeva a salire a bordo della macchina in via della Bassata.
Nel corso degli ultimi mesi, si era trasferito con tutta la famiglia in tutt’altra zona della città ed aveva avuto un atteggiamento sempre assai prudente, proprio per far perdere le proprie tracce. Dopo gli adempimenti di rito è stato accompagnato al carcere de “Le Sughere”.

Riproduzione riservata ©