Cerca nel quotidiano:


Il nuovo questore si presenta. Parole d’ordine? “Immagine e operatività”

Si chiama Lorenzo Suraci e viene da Viterbo. Subito la prima stoccata: "Questo palazzo meriterebbe un po' di maquillage"

mercoledì 01 agosto 2018 15:07

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

“Tengo molto all’immagine della Polizia con la P maiuscola, dei suoi agenti e per questo all’operatività dei poliziotti. Noi non siamo un negozio privato. Siamo un servizio pubblico di cui il cittadino deve essere soddisfatto. Più è felice e sereno il cittadino, più significa che stiamo svolgendo un buon lavoro”.
Si presenta così il nuovo questore di Livorno, Lorenzo Suraci (nelle foto in pagina di Simone Lanariai microfoni e ai taccuini della stampa locale all’interno del suo ufficio al primo piano del palazzo della questura di via Fiume. “Sono uno che crede molto nel lavoro di squadra ed è proprio così che imposterò il mio operato qua a Livorno che mi dicono essere una città impegnativa sotto alcuni punti di vista ma molto bella e vivibile per quel poco che per il momento sono riuscito a vedere in queste poche ore”.
Suraci prende il posto di Orazio D’Anna andato a ricoprire il ruolo di questore della provincia dell’Aquila. Subito a suo agio dietro alla scrivania incorniciata dal tricolore e dalla bandiera della comunità europea, Suraci promette di lavorare sodo: “Mi dicono essere una città impegnativa per le dimensioni e sotto il profilo occupazionale. Ma non mi ha mai fatto paura il lavoro e lavoreremo sodo anche qua”.

Questore Lorenzo Suraci (foto Simone Lanari)

Il nuovo numero uno della questura ha iniziato la sua mattina di mercoledì 1° agosto con la deposizione della corona d’alloro ai caduti all’ingresso della questura per poi salutare il personale dirigente, i sindacati e i dirigenti della polizia di Stato.
Dalla stampa locale si è fatto raccontare pregi e difetti della città dei Quattro Mori esaltando con i giornalisti le qualità sportive del capoluogo e della provincia. “Sono uno sportivo e mi piace molto questo aspetto. Ho visitato anche la palestra della sezione scherma delle Fiamme Oro in viale Boccaccio e devo dire che sono rimasto molto impressionato”.
Arriva anche la prima stoccata. “Mi hanno fatto visitare molto approfonditamente anche questa struttura labirintica di via Fiume – ha chiosato il questore Suraci – e devo dire che questo palazzo necessiterebbe di un bel maquillage”.

Chi è il nuovo questore Lorenzo Suraci – Lorenzo Suraci è entrato in polizia nel 1985, ha iniziato la sua carriera come dirigente della squadra mobile di Novara. Successivamente ha inaugurato e diretto il commissariato di Cisterna di Latina. Dopo un periodo passato alla direzione investigativa antimafia, è stato assegnato alla questura di Roma. Come dirigente del primo distretto Trevi–Campo Marzio ha svolto servizio per circa tre anni e mezzo e ha assunto poi l’incarico di vicario del questore di Roma. Il primo gennaio 2014 è stato promosso dirigente superiore e, il primo agosto successivo, gli è stata assegnata la dirigenza del compartimento della polizia stradale per l’Abruzzo, per giungere successivamente a Viterbo ove ha ricoperto il suo primo incarico da questore.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Robe

    Spero che sia la volta buona che si pensi un po’ di più alla sicurezza sopratutto nella zona Garibaldi Mille Carducci Stazione!!! Un po’ di pulizia e ordine farebbe MOLTO bene!!!

  2. # Diego

    Ho avuto l’onore di lavorare con il Dott.Suraci a Roma per circa 11 anni come addetto prima alla P.G. esterna e successivamente al 1^ distretto come addetto alla Sezione informativa, posso soltanto ricordare la professionalità e la competenza nel gestire situazione veramente difficili sotto il profilo dell’ordone pubblico. Caro Dottore le auguro un buon lavoro come è sempre riuscito a svolgere. Cari colleghi di Livorno avete la fortuna di poter lavorare con un ottimo Poliziotto ma soprattutto con un uomo formidabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive