Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Ladri all’alba inseguiti dal titolare: i carabinieri ne prendono uno

Lunedì 21 Novembre 2022 — 10:43

Nelle foto in pagina i danni che hanno fatto i delinquenti alla tabaccheria di Francesco Novi e la fioriera utilizzata per spaccare la vetrina del locale

L'uomo fermato è un rumeno di circa 35 anni portato in caserma di viale Mameli dai militari con l'accusa di furto aggravato e in attesa delle disposizioni del pubblico ministero di turno. In fuga due suoi complici con la refurtiva

di Giacomo Niccolini

Ladri all’alba alla tabaccheria di via Ricasoli, 16 di Francesco Novi. I malviventi hanno agito intorno alle 4,30 del mattino di lunedì 21 novembre utilizzando una fioriera, per altro non della zona, per spaccare la vetrata d’ingresso della rivendita di tabacchi. Una volta dentro però è scattato l’allarme collegato direttamente con il cellulare del proprietario del negozio che, in men che non dica, era già fuori in strada sullo scooter per raggiugere la sua attività presa di mira dai ladri. Nel frattempo i malviventi, tre in tutto quelli che hanno colpito la tabaccheria di Novi, hanno cercato di mettere a soqquadro il negozio ma hanno avuto vita difficile grazie al sistema anti-intrusione che ha inondato di fumo il locale.
Nonostante questo i delinquenti hanno arraffato quanto potevano, portando via due sacchi della spazzatura di refurtiva tra sigarette, gratta e vinci e oggetti vari in vendita nell’attività commerciale provando anche a devastare le due slot machine presenti all’interno della tabaccheria in cerca di monete. Tentativo, questo, andato a vuoto in quanto le macchinette che, come si vede anche dalle foto in pagina, sono state danneggiate irrimediabilmente, non hanno ceduto tanto da aprire il cassetto contenente le monete.
Il tempo di uscire fuori e i ladri erano già “braccati” dal titolare sopraggiunto in motorino e che nel frattempo aveva già avvisato le forze dell’ordine. Sul posto infatti, in stretto contatto con Novi, sono arrivate le pattuglie dei carabinieri che sono riuscite a bloccare uno dei tre malviventi tra via Sardi e via Verdi. Gli altri due, purtroppo quelli con la refurtiva, sono riusciti a scappare fuggendo via. L’uomo fermato è un rumeno di circa 35 anni portato in caserma di viale Mameli dai militari con l’accusa di furto aggravato e in attesa delle disposizioni del pubblico ministero di turno. Nei confronti dell’arrestato, nella giornata di lunedì 21 novembre, si è tenuto un giudizio direttissimo all’esito del quale il giudice ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora con permanenza in casa nelle ore notturne e l’obbligo di firma. Ancora un volta la collaborazione fattiva tra cittadini e carabinieri è risultata determinante per riuscire a bloccar e fermare uno dei ladri.
Per la tabaccheria di Novi questo è il secondo furto consumato che si aggiunge ad un altro tentativo di furto per fortuna andato a vuoto.

Condividi:

Riproduzione riservata ©