Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Ladri sorpresi a rubare di notte nell’officina. Il titolare: “Grazie alle forze dell’ordine”

Lunedì 9 Gennaio 2023 — 12:00

Nelle foto si può vedere la grata dal quale è entrato uno dei due malviventi e il vetro rotto per introdursi all'interno. Nelle altre immagini l'ingresso dell'officina Italmotors sul viale Carducci e i tentativi di scardinare la porta principale da parte dei ladri

Arrestati in flagrante dalla polizia due giovani malviventi: uno di 19 anni e l'altro minorenne. Fondamentale la collaborazione tra la sala operativa e la richiedente che ha fornito alle forze dell'ordine tutte le indicazioni per pizzicare all'interno dell'officina i due malviventi

di Giacomo Niccolini

È stato un vero e proprio lavoro di squadra che ha funzionato alla grande. Sono circa le 24 nella notte tra sabato 7 e domenica 8 gennaio quando sul cellulare della figlia di Mario Raso, titolare dell’officina Italmotors di viale Carducci, arriva la notifica dell’allarme dell’attività di famiglia. “Capita, a volte, che scatti l’allarme nel piazzale della nostra carrozzeria, quello esterno per intenderci – racconta la figlia di Raso a QuiLivorno.it – A volte un gatto, a volte il vento che muove le fronde delle piante che sono davanti ai sensori. Diciamo che è un primo campanello di allarme ma non è un allarme rosso. Cosa invece che è accaduto un quarto d’ora dopo quando è scattato l’allarme all’interno degli uffici. A quel punto ho capito che qualcuno era entrato all’interno”.
Così insieme al marito si è precipitata verso l’officina in viale Carducci.
Non prima, però, di alzare il telefono ed avvisare il padre ma soprattutto il 112. “Ho subito chiamato il mio babbo e gli ho detto che qualcuno era entrato dentro. Poi ho fatto lo stesso con il 112 dando all’operatore tutte le indicazioni necessarie e l’indirizzo. Sono stati molti disponibili e mi hanno detto come agire: non arrivare facendo rumore, senza troppo clamore, e soprattutto, di attendere loro prima di entrare. Ma non c’è stato bisogno – specifica la figlia di Mario Raso – perché quando siamo arrivati erano già sul posto le pattuglie della polizia pronte ed entrare in azione”.
Così gli agenti sono entrati dentro e hanno trovato due malviventi che, alla vista dei poliziotti, hanno alzato le mani dietro al bancone dell’ufficio sotto al quale, inizialmente, avevano cercato di nascondersi. I due, un giovane di 19 anni e un giovanissimo minorenne di età compresa tra i 14 e i 18, sono stati quindi arrestati in flagranza di reato dalla polizia. Dalle telecamere di servizio, visionate sul posto dalle forze dell’ordine, si è visto che il più piccolo dei due passa attraverso le grate di protezione poste davanti al vetro della finestra. Vetro che è stato preventivamente spaccato per poi intrufolarsi all’interno dell’ufficio. Una volta dentro il ladro ha aperto la porta al complice che è entrato senza troppi problemi ed insieme hanno iniziato ad arraffare quello che hanno trovato nei cassetti: un vecchio cellulare, qualche orologio e un sacchetto con pochi euro dentro.
“Prima di entrare con arti da contorsionisti dalla grata, senza forzarla, hanno provato a forzare la porta d’ingresso con un cacciavite provocando non pochi danni – spiega Mario Raso, il titolare dell’officina Italmotors – Il problema di queste incursioni notturne dei ladri sono proprio questi danni che poi tocca ripagare a noi titolari delle attività colpite. Per fortuna, comunque, le forze dell’ordine hanno fatto un ottimo lavoro. Volevo ringraziare pubblicamente gli agenti della polizia per quanto fatto, per la tempestività con la quale hanno agito e per la professionalità e umanità con la quale hanno svolto il loro servizio. Davvero un grazie di cuore a tutti loro”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©