Cerca nel quotidiano:


Lavorava in “nero” e percepiva il reddito di cittadinanza

L'uomo, 60 anni, fermato dalla Finanza, effettuava consegne a domicilio per conto di un ristorante cinese. Per lui è scattato l’obbligo di restituzione di quanto già riscosso (3.750 €)

Giovedì 12 Dicembre 2019 — 11:17

Mediagallery

Nei confronti del 60enne non è scattata la denuncia penale perché al momento della domanda di sussidio era in possesso dei requisiti previsti dalla legge e non ha presentato dati falsi

Percepiva 600 euro al mese di sussidio ma lavorava in “nero” per conto di un ristorante cinese effettuando consegne a domicilio. Lo si apprende in un comunicato diffuso dalle Fiamme Gialle il 12 dicembre. L’uomo, si legge, è stato fermato dalla Finanza durante un posto di controllo nell’area industriale della città e dai successivi riscontri è emerso che il sessantenne, lucchese residente a Livorno, riceveva da primavera quasi il massimo del sussidio mensile (600 euro su un massimo di 780 €). Per lui è scattata l’immediata decadenza del beneficio, interrotto dall’Inps, con l’obbligo di restituzione di quanto già riscosso (3.750 €). Sanzionati amministrativamente sia il lavoratore che il titolare del ristorante. Non è scattata anche la denuncia penale perché al momento della domanda del reddito di cittadinanza, il 60enne era in possesso dei requisiti previsti dalla legge e non ha presentato dati falsi.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.