Cerca nel quotidiano:


Maxi evasione sul carburante: blitz ad un distributore

Guardia di finanza e procura interrompono una frode da circa mezzo milione di euro

martedì 14 Maggio 2019 10:05

Mediagallery

Le Fiamme Gialle della 1ª Compagnia di Livorno, dopo una serie di verifiche fiscali e indagini coordinate dalla procura della Repubblica, hanno scoperto che un distributore di carburante, tra il 2013 e il 2016, ha emesso fatture simulando cessioni di benzina e gasolio mai avvenute e, come si legge in un comunicato stampa diffuso dalla finanza il 14 maggio, per importi rilevanti: 438 mila euro il valore delle fatture per operazioni inesistenti, 115 mila euro quello della corrispondente Iva “inventata”.

Documenti falsi per la frode di una cooperativa – Le fatture false venivano utilizzate da una cooperativa portuale nei confronti del cui amministratore, un 50enne livornese, guardia di finanza e Gip di Livorno erano già intervenuti con il sequestro – reso noto lo scorso 15 aprile – di denaro e conti correnti per 415 mila euro.

Oltre 500 mila euro il “recupero” da evasione fiscale – Gli accertamenti hanno permesso così di quantificare in capo al gestore del distributore di carburanti ricavi non dichiarati per 759 mila euro e il mancato versamento nelle casse erariali di 214 mila euro di Iva e di 300 mila euro di imposte sui redditi, per un “recupero” di evasione di oltre 500 mila euro.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # @dlblsn

    finché il gestore non pagherà non si deve usare il termine “recupero” ma accertato. dopo che avrà pagato allora si recupero. per me.

    1. # Kevinlab

      Giusto…. ma tanto chi sbaglia raramente poi paga!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.