Cerca nel quotidiano:


Minacce di morte e percosse alla compagna davanti alle figlie: nei guai 64enne

La donna, nell'ultimo periodo, era costretta a dormire chiusa nella camera da letto con le figlie per timore che il convivente potesse farle del male mentre dormiva

venerdì 15 Marzo 2019 13:01

Mediagallery

La squadra mobile, in seguito alle indagini effettuate nelle ultime settimane ha dato esecuzione alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa e del di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla convivente. Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Livorno, Antonio Dal Forno su richiesta del pm Massimo Mannucci, nei confronti di un cittadino italiano di 64 anni, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti nei confronti della donna con cui conviveva, con l’aggravante di aver agito davanti alle figlie minori della coppia, che spesso sono dovute intervenire a difesa della madre.
L’uomo era già stato sottoposto ad una misura cautelare identica nel corso del 2016, poi la situazione si era ricomposta e la coppia era tornata ad abitare insieme.
Negli ultimi mesi, tuttavia, il comportamento dell’uomo nei confronti della compagna era tornato violento, minaccioso e vessatorio, tanto da costringere la donna a denunciarlo nuovamente in quanto costretta a subire continue aggressioni fisiche e verbali, percosse e minacce di morte, oltre che opprimenti sopraffazioni morali, che la costringevano in una costante condizione di ansia, paura e soggezione sia fisica che morale.

La donna, infatti, nel timore che il compagno potesse farle del male, era costretta ad uscire da casa per la maggior parte del giorno, mentre la  notte si chiudeva a chiave in camera da letto con le figlie, per timore che potesse farle del male mentre dormiva.
Con la nuova disposizione l’uomo deve attenersi scrupolosamente alle prescrizioni impostegli: divieto di avvicinarsi a tutti i luoghi frequentati dalla persona offesa, mantenendo una apprezzabile distanza da questi, in modo da evitare in ogni caso incontri anche fortuiti con essa, divieto di comunicare con la donna con qualsiasi mezzo, anche informatico.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.