Cerca nel quotidiano:


Nella notte i ladri devastano l’impianto sportivo

Il direttore generale del Portuale Guasticce, Giovanni Di Rocca: "E' la terza volta che accade nel giro di un anno. Stavolta le telecamere di sicurezza hanno ripreso chiaramente il volto di uno dei due ladri"

Domenica 7 Giugno 2020 — 13:14

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

I malviventi hanno spaccato porte e finestre per migliaia di euro di danni, riuscendo a portar via soltanto poche decine di euro (forse un centinaio) delle maglie da calcio e alcuni biglietti vidimati dalla Siae

E’ la terza volta in un anno. Ed ogni volta i malviventi se ne vanno con pochi spiccioli e qualche “souvenir” di poco valore. Anche in questo caso, nella notte tra venerdì 5 e sabato 6 giugno, due malviventi, ripresi dalle telecamere di sicurezza dell’impianto sportivo del Portuale Guasticce in via di Collinaia, hanno devastato la struttura spaccando porte, distruggendo vetri e finestre e scassinando serrature. “Il bottino? Forse un centinaio di euro, se va bene – spiega Giovanni Di Rocca, direttore generale della società calcistica dilettantistica, a QuiLivorno.it – Il problema sono gli innumerevoli danni che i malviventi hanno fatto alla struttura. Solo a pensare di ricostruire le porte è un bel pensiero. Per questi ladruncoli magari non sarà niente ma per noi, anche le poche migliaia di euro da sborsare, in un periodo come questo poi, pesano eccome. Dalle telecamere si vedono chiaramente: sono due giovani, uno è incappucciato e l’altro è a volto scoperto. Abbiamo consegnato le immagini della video-sorveglianza ai carabinieri che adesso svolgeranno al meglio il loro lavoro per riuscire ad individuare i responsabili di questo gesto”.
A scoprire tutto, la mattina presto, è stato Marino Casprini, il custode del quartier generale del Portuale Guasticce. “Ho fotografato tutto per poter consegnare le immagini agli investigatori – spiega Casprini al nostro giornale – I malviventi molto probabilmente si sono introdotti da un buco fatto in una rete e hanno devastato tutto quello che potevano. Al momento mancano all’appello dei soldi, come ha detto Di Rocca, circa un centinaio d’euro, una sacca con delle maglie da calcio e alcuni biglietti vidimati già dalla Siae ma attualmente bianchi, pronti per la nuova stagione. Ah e poi manca anche la chiave di un container. Nella giornata di lunedì vediamo se riusciremo ad aprirlo e a fare un elenco completo delle cose sparite”.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Sandro65

    Visto che le telecamere hanno permesso di inquadrarlo, che lo prendano e lo mettano dentro. Ma vedrai….