Cerca nel quotidiano:


Operaio muore travolto da un’auto in un cantiere stradale

Un tragico sinistro in cui un'auto ha travolto due uomini all'opera in un cantiere stradale attiguo alla strada ed è costato la vita ad uno di essi, un operaio livornese, Marco Cecchi, classe 1966

Martedì 22 Febbraio 2022 — 16:27

Mediagallery

La presidente della Provincia, Marida Bessi, è stata informata del fatto dal sindaco di Rosignano Daniele Donati. Costernata per l’accaduto, ha espresso profondo cordoglio e vicinanza ai familiari dell’operaio deceduto

Incidente stradale mortale avvenuto la mattina di martedì 22 febbraio a Vada, all’incrocio tra la strada provinciale di via della Torre e la strada comunale di via Belvedere. Un tragico sinistro in cui un’auto ha travolto due uomini all’opera in un cantiere stradale attiguo alla strada ed è costato la vita ad uno di essi, un operaio livornese, Marco Cecchi, classe 1966. Gli operai, secondo quanto ricostruito, erano al lavoro all’interno del cantiere della rotatoria, situato fuori dalla carreggiata stradale, quando un’auto è piombata sulle reti che delimitano l’area, travolgendo i lavoratori e coinvolgendo un’anziana signora in transito. Purtroppo, per Cecchi non c’è stato nulla da fare.
Altre due i feriti: una signora del ’47 (A.M. le sue iniziali), rimasta coinvolta nell’incidente e trasportata in codice giallo al pronto soccorso di Cecina, rimasta coinvolta nell’incidente, e F.G. del ’92, collega di Cecchi, anche lui all’ospedale di Cecina in codice verde. Sul posto si sono portati i vigli del fuoco, due ambulanze della Pubblica Assistenza di Rosignano con medico a bordo e, in un primo momento, attivato anche l’elisoccorso Pegaso, poi fatto rientrare. Sul luogo della tragedia anche i carabinieri e la polizia municipale chiamati a chiarire con esattezza la dinamica dell’incidente.
“L’incidente ha destato profondo sgomento in Provincia – si legge in una nota stampa inviata alle redazioni dall’Ufficio Stampa della Provincia di Livorno – in quanto l’operaio e il collega rimasto ferito, erano dipendenti dell’impresa Slesa SpA, vincitrice dell’appalto per la realizzazione della rotatoria sulla SP 13. La presidente della Provincia, Marida Bessi, è stata informata del fatto dal sindaco di Rosignano Daniele Donati. Costernata per l’accaduto, ha espresso profondo cordoglio e vicinanza ai familiari dell’operaio deceduto. Sul posto si è recato immediatamente anche il responsabile del Servizio viabilità della Provincia, ingegnere Simone Lubrano“.

Il cordoglio del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani – “Si allunga ancora la tragica scia di morti sul lavoro in Toscana. Stavolta è accaduto a Vada, in un cantiere stradale, dove un operaio è stato investito ed ucciso da un’auto che ha sbandato e gli è piombata addosso. Sono vicino ed esprimo tutto il mio cordoglio ai famigliari della vittima e auguro una pronta guarigione al suo compagno rimasto ferito. Ogni volta che qualcuno muore sul e di lavoro, avverto un senso di scoramento per non essere riusciti ad evitarlo, ma al tempo stesso aggiungo maggiore determinazione nel sollecitare e programmare controlli sempre più attenti e frequenti da parte dei componenti degli uffici per la sicurezza sul lavoro e un sempre più convinto sforzo collettivo da parte di tutti i soggetti che seguono i vari aspetti della sicurezza dei lavoratori, dall’istituto di previdenza, alle organizzazioni sindacali, a quelle dei datori di lavoro e alle stesse forze di pubblica sicurezza”.

Riproduzione riservata ©