Cerca nel quotidiano:


Ospedale, fumo da un dispositivo elettrico in Nefrologia

Surriscaldamento di un dispositivo elettrico collocato nella testata di un letto. Non ci sono stati feriti, intossicati o danni alla struttura. La USL elogia l’infermiere Filippo Ferri e tutto il personale in servizio

Venerdì 30 Aprile 2021 — 15:03

Mediagallery

L’infermiere Filippo Ferri, a cui va l’elogio e il ringraziamento da parte della della direzione ospedaliera, ha applicato con prontezza il piano di emergenza

Il 30 aprile attorno alle 9, come riferisce una nota dell’azienda sanitaria inviata il 30 aprile con la foto, si è sprigionato del fumo all’interno di una stanza di degenza del reparto di Nefrologia all’ospedale di Livorno a causa del surriscaldamento di un dispositivo elettrico collocato nella testata di un letto in quel momento non occupato. L’infermiere Filippo Ferri, a cui va l’elogio e il ringraziamento da parte della della direzione ospedaliera, ha applicato con prontezza il piano di emergenza previsto per questo tipo di situazioni, staccando la corrente elettrica alla stanza e scegliendo il più corretto sistema antincendio. Contemporaneamente il personale in servizio ha tranquillizzato e messo in sicurezza i degenti presenti, composto il numero telefonico di emergenza ospedaliera 88 per l’attivazione della squadra antincendio interna e fatto chiamare i vigili del fuoco. Non ci sono stati feriti, intossicati o danni alla struttura.

Riproduzione riservata ©