Cerca nel quotidiano:


Pc, stampanti, biciclette e tv nel garage: arrestati

Due uomini sono stati arrestati dalla polizia per il reato di ricettazione: nel loro garage in via delle Sorgenti avevano un vero e proprio magazzino di merce rubata

Venerdì 23 Settembre 2016 — 12:17

Mediagallery

Le volanti dei carabinieri li avevano controllati in via delle Sorgenti e avevano scoperto un furgone Fiat Ducato e un garage pieni zeppi di merce rubata. Nella mattina del 23 settembre, squadra mobile li ha condotti agli arresti domiciliari su disposizione del Gip del Tribunale di Livorno Del Forno a seguito di richiesta della Procura. Sono stati arrestati B. A. di 38 anni, e R. A. di 32, entrambi marocchini, gravati da numerosi precedenti penali.  L’episodio risale al 7 agosto scorso quando i due extracomunitari erano stati sorpresi dagli agenti mentre erano intenti a caricare su un furgone, due ciclomotori Piaggio “Bravo”. Non convinti dalle imbarazzate spiegazioni dei due, i poliziotti avevano voluto vederci chiaro e avevano controllato anche il garage da cui i due avevano appena prelevato gli scooter. All’interno gli operatori trovano un vero e proprio magazzino di materiale dalla probabile origine delittuosa, numerose attrezzature edili di notevole valore, varie biciclette da strada e mountain bike smontate, anche queste di notevole valore, tre televisori di marca, sette tra pc e notebook, molte tastiere per pc, stampanti e monitor, un navigatore satellitare, una fotocamera, nonché alcune centinaia di camicie dell’Esercito apparentemente nuove.
Gli stranieri non erano stati in grado di fornire la documentazione fiscale relativa all’acquisto degli oggetti, facendoli ritenere di probabile provenienza furtiva e venivano indagati in stato di libertà per il reato di “concorso in ricettazione”.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Liburnico

    A. di 38 anni, e R. A. di 32, entrambi marocchini, gravati da numerosi precedenti penali.
    “Don’t worry” domani sarete fuori e ricomincerete

    1. # pisanico

      Agli arresti domiciliari, nonostante i numerosi precedenti penali, ce li ha mandati un giudice del Tribunale livornese !

  2. # John

    Altre risorse del nostro povero paese.

  3. # enrio

    Come fanno a stare delinquenti del genere CLANDESTINO e CRIMINALE nel nostro paese? PERCHÈ NON VEINE ESPULSO SUBITO???????
    PERCHÈ

  4. # thomas gamba

    Sono già fuori: cit ” venivano indagati in stato di libertà “

  5. # Alberto

    Al solito due pesi e due misure, sono allibito (arresti domiciliari) ad un nostro connazionale sarebbe stata riservata la stessa indulgenza??? Non aggiungo altro sarebbe fiato sprecato e tempo perso…