Cerca nel quotidiano:


Pedone travolto da auto: gravissimo 37enne

Sabato 16 Luglio 2016 — 19:49

Mediagallery

Grave incidente nel tardo pomeriggio di sabato 16 luglio sul viale Italia all’incrocio con via Forte dei Cavalleggeri. Un’auto, guidata da un uomo di circa 70 anni, stava viaggiando in direzione sud quando improvvisamente ha travolto un pedone che stava attraversando la strada insieme alla moglie. L’uomo è stato investito e sbalzato per una decina di metri finendo la sua corsa sull’asfalto. Il ferito, un filippino di 37 anni residente a Livorno, ha riportato un politrauma e una probabile frattura cranica. Sul posto si è precipitata l’ambulanza della Svs di via San Giovanni i cui volontari e il medico del 118 hanno prestato i primi soccorsi al ferito. Sul posto per dirigere il traffico e favorire le operazioni di soccorso si sono fermati i militari dell’esercito che partecipano all’operazione “strade sicure”.
Sotto shock la moglie, illesa ma aiutata da alcuni cittadini che le hanno fornito sostegno e l’hanno accompagnata fino al pronto soccorso per stare accanto al marito. Rimangono gravissime le condizioni dell’uomo, che sta lottando per rimanere in vita, per il quale era stata allertata la shock room dell’ospedale di viale Alfieri.
Secondo alcuni testimoni presenti al momento dell’incidente, le cui dichiarazioni sono state registrate dalla municipale giunta sul posto, il 37enne sarebbe stato investito sulle strisce pedonali.

Riproduzione riservata ©

25 commenti

 
  1. # mario con la panda

    mettete i dissuasori di velocita sul viale italia.davanti tutte le baracchine, barriera margherita e ippodromo

    1. # residente

      Dissuasori subito invece delle rotatorie fate qualcosa di buono,il Viale Italia non e’una pista per automobili!
      Nessuno si ferma per far passare i pedoni sulle strisce pedonali, corrono come pazzi!

  2. # Meglio populista che pidiota

    Nel viale italia non esiste alcun controllo i vigili urbani hanno da fare altre cose.Cosa aspetta nogarin a mettere 30 km sul viale e controllare con radar e costruire scalini per diminuire le velocità’

    1. # Rumpel

      la modifica del limite di velocità è di competenza prefettizia….
      aveto rotto il ciupa-ciups con Nogarin che non ci combina nulla.
      aprite bocca per dare alito all’aria!

      1. # Meglio populista che pidiota

        attento a come parli

        1. # Fox65

          Mi sa che te non sei ne carne ne pesce cosa c’entra nogarin….ma stralevati di vi…piuttosto vediamo la patente quando è stata rinnovata e da chi…ci vedeva bene?

      2. # Mauro

        L’istituzione di limiti di velocità e altri tipi di prescrizioni sulla strada è competenza degli enti proprietari, tradotto in italiano in questo caso Comune di Livorno

  3. # John

    Che cavolo stava facendo il guidatore??? Cercava Pokémon pure lui?!Sono sempre più dell’Idea che le patenti vanno tolte a 60 anni!

    1. # Amaranto

      Si, e magari date dopo i 40 !!!!

    2. # Marco

      Domandina: ma come mai le assicurazioni non l’hanno capito e fanno pagare polizze più care ai giovani? Mah?
      Le cose vanno analizzate e valutate caso per caso. Non sarà questo il caso ma ho visto molte volte gente lanciarsi sulle strisce sulle strisce senza minimamente guardare. Il pedone ha ragione, ma poi se viene investito ha comunque la peggio.

  4. # BatMan

    A 15 metri ci sono le striscie pedonali, oltre ad augurare al pedone una pronta guarigione, gli auguro anche che stesse attraversando sulle striscie dove li ha la precedenza. Richiesta ai vigili urbani: è troppo chiedere che venga fatta un pò di sorveglianza presso le striscie pedonali e multare chi non si ferma? Credo che sia piu importante che fare le multe a chi sosta senza lettera…

  5. # Livisa

    D I S S U A S O R I……….Come in tutte le città civili!!!!!……

    1. # SiamoRidicolieNonCeNeRendiamoConto

      Nelle città civili non ci sono i dissuasori, ma persone civili che non hanno bisogno di ostacoli per andare piano

      1. # Ugo

        Perchè hai la percezione di città civile questa?…Ma per piacere…Ma li leggi i giornali o vai a caso?…Stai in un ufficio seduto o vai in giro a vedere la tu “civiltà”?….

  6. # Curioso

    Sulle strisce pedonali, per far passare i pedoni, si fermano ancora in pochi. Quindi non c’è cultura. La soluzione è quella adottata in tutti i lungomare delle città più importanti: ridurre le corsie di marcia allo spazio necessario per il passaggio di un veicolo, creazione di posti auto a spina di pesce, piste ciclabili, inserimento dissuasori “alti”. Le auto, dal porto a Barriera Margherita, il tratto più frequentato, costrette ad andare a passo d’uomo, o max 30 Km orari. Prima che ci scappi il morto.

  7. # Kristy

    Occorre attenzione ed auricolare per telefonino.

  8. # alberto franzoni

    basterebbe invece di tanti discorsi ,,un pulsante e un solo lampeggiante,, quando il pedone vuol traversare pigia un PIPPOLO e dopo alcuni secondi scatta il rosso alle auto, perche’ purtroppo c’è ancora chi traversa al volo,, TANTO SONO SULLE STRISCE . e non ci vorrebbero milioni a istallarlo magari nei punti piu’ pericolosi !!!

  9. # Giusy

    Non è la velocità ma l’età,. Via la patente, subito, secondo me non l’ha visto proprio.

    1. # Troppabiada

      Giusi a 70 anni si lavora alle catene di montaggio,si opera negli ospedali,si guidano mezzi pesanti e si insegna nelle scuole….SVEGLIATI!!!!!!!!

  10. # Plinio

    Io abito. In zona non sarà questo caso ma la notte si sente passare auto a velocità di Ferrari ,quel puntoni strisce è messo male in prossimità di una curva è visto che non c’è uno che rispetti il codice di velocità vanno spostate

  11. # Ale

    LIVORNO

  12. # vittorio

    Premetto che non ho visto l’incidente, ma sono passato con l’auto in senso opposto evidentemente pochi attimi dopo che è avvenuto, dato che l’autista della vettura che lo ha colpito era appena sceso e la ragazza che era con la sfortunata vittima gridava alle persone intorno di chiamare l’ambulanza.
    Aggiungo che sia lei che lui erano vestiti da ciclisti, e a pochi metri di distanza c’era una bici per terra sulla strada.
    Ciò che mi chiedo è: perchè si parla e si scrive di “pedone investito sulle strisce” se l’attraversamento pedonale è almeno a venti metri e con molta probabilità la vittima era in bici ?
    Sia chiaro: non voglio difendere l’autista nè accusare in qualche modo la vittima, ma davvero non comprendo se si tratta di superficialità, di disinformazione o di che altro…

  13. # Sergio

    Dice bene ” Siamo Ridicoli ….. ” é tutta questione di educazione da piccoli, e buo esempio degli adulti.

    1. # Luca

      Quindi Livorno è senza speranza

  14. # frank

    “attento a come parli”?? cioè? sarebbe una minaccia?