Cerca nel quotidiano:


Perde il controllo e si ribalta nel fosso: ferita 62enne

Ferita una donna di 62 anni soccorsa dalla Misericordia di via Verdi e da un'ambulanza proveniente da Vicarello. La conducente del veicolo è stata poi trasportata in ospedale a Livorno per gli accertamenti del caso

Lunedì 24 Ottobre 2016 — 17:46

Mediagallery

Pauroso incidente avvenuto nel primo pomeriggio di lunedì 24 ottobre in via delle Sorgenti tra lo svincolo di Nugola Vecchia e quello per Nugola Nuova in direzione Livorno. Una donna di 62 anni, residente a Fauglia, ha perso il controllo della sua Renault grigia ed è finita nel fosso al lato della carreggiata. Sul Attimi di apprensione per la conducente che, inizialmente, non riusciva ad uscire da sola dall’abitacolo. I soccorsi sono stati chiamati da alcuni passanti che, vista la scena, non hanno esitato a contattare il 118. Sul posto si è portata un’ambulanza della Misericordia di via Verdi e una da Vicarello insieme ai vigili del fuoco.
La donna è stata trasportata al pronto soccorso con qualche contusione e in stato di shock. Per fortuna le sue condizioni non hanno destato, sin da subito, particolari preoccupazioni.

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # Aldo

    Quasi certamente una distrazione!

  2. # beppe

    Non sono un po’ troppi i ribaltamento negli ultimi tempi? Non sarà colpa della crisi se le persone viaggiano con gomme finite, e soprattutto, sgonfia dato che per risparmiare si fa rifornimento al self dove nessuno ti controlla la pressione ? Vedo in giro tante ruote ” appiattellate” pronte al testacoda…

    1. # beppone

      Ha proprio ragione e pensare che quelli dell’ACI ritengono che il 75% degli incidenti avviene per l’uso del cellulare alla guida !

    2. # Rob

      E’ colpa della società!

      1. # France

        È colpa degli immigrati. E della Boldrini.

        1. # P. Dino

          No, è colpa di Nogarin!

  3. # Misia

    Scusate ma se non si hanno soldi si va con i mezzi pubblici, quando ero giovane andavo a piedi od in autobus perché non mi potevo permettere un auto
    ,e sono sopravvissuta.