Cerca nel quotidiano:


Poliziotto si lancia nel vuoto dal quinto piano e con tutta la squadra salva 17enne

Mentre da terra due poliziotti le parlavano un capo pattuglia ha raggiunto il terrazzo della casa adiacente e si è lanciato per raggiungere il terrazzo della casa dove si trovava la ragazza, aprire la porta e far intervenire i colleghi

Domenica 27 Dicembre 2020 — 14:14

Mediagallery

La polizia (nella foto le squadre che hanno operato) ha tratto in salvo, tra gli applausi della cittadinanza, una 17enne con l'intenzione di gettarsi dal quinto piano

La polizia (nella foto inviata dalla questura le squadre che hanno operato) ha tratto in salvo una 17enne con l’intenzione di gettarsi dal quinto piano. E’ accaduto alle 21 circa del 26 dicembre quando il personale della Squadra Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, diretto dal dirigente Claudio Cappelli, è intervenuto a seguito delle segnalazioni arrivate al 113. Come si legge in un comunicato inviato dalla questura il 27 dicembre la ragazza, in forte stato di agitazione, si era seduta con le gambe sospese nel vuoto sul traverso inferiore del telaio della finestra della abitazione dove, in quel momento, era da sola. Durante le prime fasi dell’intervento in attesa dell’arrivo sul posto dei vigili del fuoco e del 118 mentre due poliziotti, un uomo e una donna, hanno intrapreso una negoziazione con la giovane per cercare di farla desistere, il capo pattuglia della volante 1, dopo aver tentato inutilmente di aprire la porta d’ingresso dell’abitazione con la collaborazione della vicina di casa, si è portato sul terrazzo della casa adiacente da dove, salendo in piedi sul corrimano del parapetto e supportato dal capo pattuglia della volante 2, si è lanciato nel vuoto per raggiungere l’altro terrazzo posto ad una distanza di circa 1,5 metri. Una volta all’interno ha infranto il vetro della portafinestra e ha aperto la porta di casa al capo pattuglia della volante zara 1 il quale, raggiunta la minore, è riuscita a trarla in salvo, incolume, tra gli applausi della cittadinanza.

Riproduzione riservata ©