Cerca nel quotidiano:


Quattordicenne investito da un’auto in viale Italia

Sul posto si è portata un'ambulanza della Svs intervenuta d'urgenza da via San Giovanni. L'impatto è stato violento e il ragazzo, che era appena uscito dalla paninoteca con un panino in mano pronto per goderselo sul mare insieme alla famiglia, è rovinato sull'asfalto dopo aver infranto il parabrezza dell'autovettura

Sabato 19 Febbraio 2022 — 15:23

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Un ragazzo giovanissimo di 14 anni è stato investito da un’auto, una Opel Meriva, in viale Italia intorno alle 14,15 di sabato 19 febbraio. L’incidente è avvenuto in prossimità delle strisce pedonali prospicienti l’ingresso del Prosciuttaio.
Alcuni testimoni, ascoltati dal cronista di QuiLivorno.it sopraggiunto sul posto, raccontano che il giovane stesse attraversando la strada proprio sulle strisce pedonali quando l’auto è sopraggiunta e lo ha colpito in pieno. Di diverso avviso il guidatore del mezzo che stava conducendo la macchina in direzione piazza Mazzini con a bordo la compagna e i suoi due bambini. “Stavo viaggiando molto molto piano dato che siamo in un centro abitato e vicino alle strisce pedonali quando il ragazzo è spuntato tra due auto in sosta – spiega a QuiLivorno.it l’uomo alla guida dell’auto – Me lo sono visto davanti improvvisamente e l’ho colpito con la parte destra della mia auto”.
Sul posto si è portata un’ambulanza della Svs intervenuta d’urgenza da via San Giovanni. L’impatto è stato violento e il ragazzo, che era appena uscito dalla paninoteca con un panino in mano pronto per goderselo sul mare insieme alla famiglia, è rovinato sull’asfalto dopo aver infranto il parabrezza dell’autovettura.
Il quattordicenne
è stato trasportato in codice rosso al pronto soccorso di Livorno per un grave trauma facciale in cui ha riportato anche la perdita di alcuni denti. Sul posto le pattuglie della polizia municipale che hanno eseguito i rilievi del sinistro stradale. A loro spetterà il compito di far luce e chiarezza sulla dinamica esatta dell’incidente.

Riproduzione riservata ©