Cerca nel quotidiano:


Raid notturno dei ladri: con la grata di un tombino distruggono la vetrata del negozio

I ladri hanno agito nella notte tra lunedì 22 e martedì 23 novembre utilizzando il chiusino in ghisa di un tombino a mo' di ariete per farsi breccia all'interno del negozio "CigarettExpress" di piazza Attias. Ingenti i danni

Martedì 23 Novembre 2021 — 09:39

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Hanno utilizzato la grata di un tombino a pochi metri di distanza dall’ingresso del negozio. Prima hanno scassinato e sollevato la saracinesca poi con il chiusino, utilizzato a mo’ di ariete, hanno distrutto la vetrata della porta principale del negozio di sigarette elettroniche “CigarettExpress” di piazza Attias al civico14/B. I malviventi, ripresi dalle telecamere, hanno agito intorno a mezzanotte e un quarto nella notte tra lunedì 22 e martedì 23 novembre. “Mi hanno svegliato i carabinieri – ha spiegato il responsabile della rivendita di e-cigarette Yuri Vecce a  QuiLivorno.it intervenuto sul posto per capire cosa fosse accaduto – Mi hanno chiamato intorno alle una di notte, ero a letto, e mi hanno detto di venire sul posto perché il negozio era sfondato. Abbiamo ripreso tutto con le telecamere di video-sorveglianza. Hanno agito in due. Erano due ragazzini che hanno razziato tutto quello che c’era dalle vetrinette e dal fondo cassa. Poi la fuga veloce. Hanno provato a rubare anche un pacco di natale che ho utilizzato per fare la vetrina, ovviamente era vuoto e riempito di cartone”.
I danni da conteggiare sono parecchi se si considera la saracinesca scardinata, la porta d’ingresso sfondata e alcuni danni all’interno del negozio dovuti alla veemenza dei malviventi.
“Ho ritrovato il pacco vuoto sugli scalini della chiesa di piazza Magenta – chiosa Vecce – Molto probabilmente hanno fatto il check veloce di quanto rubato a un centinaio di metri da qui per poi lasciare il superfluo e trattenere il bottino”.
A Vecce adesso non resta che recarsi in caserma per la denuncia di rito dell’ennesimo furto registrato in città.

Riproduzione riservata ©