Cerca nel quotidiano:


Ruba ai banchi del mercato: arrestato

Al 30enne colto in flagranza è stata applicata dal giudice la misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Mercoledì 29 Marzo 2017 — 18:05

Mediagallery

La questura di Livorno, a seguito di ripetute segnalazioni di furti effettuati ai danni di esercenti e clienti dei banchi del mercato ambulante di piazza Garibaldi, ha attivato con gli agenti della Squadra Mobile (Gruppo Falchi) uno specifico servizio che si è concluso con l’arresto in flagranza per il reato di furto aggravato a carico di M.A., trentenne tunisino, irregolare sul territorio nazionale per spaccio di stupefacenti nonché recidivo per aver commesso furti e reati dello stesso tipo.
Il cittadino extracomunitario, approfittando della momentanea distrazione della vittima, in più occasioni aveva asportato numerosi capi di abbigliamento esposti al pubblico, per un valore complessivo di 130 euro, nascondendoli poi tra due auto parcheggiate in sosta nelle vicinanze. L’uomo, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato quindi trattenuto all’interno delle camere di sicurezza in attesa dell’udienza per direttissima dove si è convalidato l’arresto e, contestualmente, è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # Alla Frutta

    Irregolare , recidivo , flagranza di reato. Ma la legge italiana non prevede in questo caso l’espulsione dal nostro territorio? Obbligo di firma, aspettalo che domani mattina è già li ad aspettare che apra la questura

  2. # ema

    Cioè, scusate, devo acer capito male…”tunisino IRREGOLARE, recidivo in furti, spaccio ecc”…catturato, deve presentarsi alla polizia giudiziaria???? Fantastica legge italiana…

  3. # Lorenzo65

    Bene ora che ha l’obbligo di presentazione , dopo furti, spaccio etc etc…ci sentiamo tutti più sicuri. E ci sta gobbo in Italia questo qua…

    1. # Diego

      Pensa quanto siamo fortunati noi che ci viviamo…. 😉

  4. # Stefano

    Gente non fantasticate tanto, e’ la legge italiana che lo permette, a rigor di logica forense questa gente non avrebbe dovuto essere presente sul nostro territorio da tempo e /o scontare la pena a casa loro senza possibilita’ di uscita dalle patrie galere tunisine (E li non scherzano)!!!!!

  5. # frangia

    vorrei sapere chi lo piangerebbe uno come lui

  6. # Marco

    rimpatriarlo NO ???

  7. # Libero

    “Applicata la norma cautelare dell’obbligo…..”?
    A me sembra di essere nel Paese dei balocchi (o, se preferite, nel mondo dei sogni).
    A quest’ora, questo fior fiore di galantuomo (pure recidivo) dovrebbe essere già in Tunisia, nelle patrie galere!!!

  8. # Al dolceAl

    Visto che ieri è stata approvata la nuova legge sulla immigrazione a questo punto non dovrebbe essere difficile espellerlo dal territorio nazionale.