Cerca nel quotidiano:


Scontro auto-scooter in via Goito. I residenti: “Cambiare la viabilità”

L'incidente ha riproposto la pericolosità della strada anche dopo l'istituzione del divieto di accesso dall'incrocio di via Sette Santi fino a via Montebello

venerdì 11 Ottobre 2019 16:36

Mediagallery

Ancora un incidente in via Goito, intorno a mezzogiorno di venerdì 11 ottobre. Si sono scontrati un’auto e uno scooter all’incrocio con via Orlandi-via dell’Ambrogiana e ad avere la peggio è stato lo scooterista che è stato trasportato in ospedale con un’ambulanza della Svs. Sul posto una pattuglia della municipale per i rilievi e la ricostruzione della dinamica. L’incidente ha riproposto la pericolosità di via Goito anche dopo l’istituzione del divieto di accesso dall’incrocio di via Sette Santi fino a via Montebello. “Il cartello apposto pochi metri prima di via delle Case Rosse – osserva un residente – non dissuade scooteristi, ciclisti e anche automobilisti che provengono da via Goito a manovre pericolose in senso vietato per deviare in via delle Case Rosse”. “Da anni – aggiunge in altro abitante della zona abbiamo proposto di istituire il divieto di accesso in via Goito a partire dall’incrocio con via Ambrogiana-via Orlandi, anche per recuperare posti auto che sono stati tolti con gli stalli per soli scooter. Abbiamo anche chiesto la promiscuità della lettera Zona Mare in tutta la via Sette Santi dove ora vige solo la lettera R. Chiediamo una revisione della viabilità o l’installazione di dissuasori o altro anche per via Ebat che da zona tranquilla pare diventata un’autostrada”.

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # giancarlo

    In effetti, da un giorno all’altro sono stati infissi 4-5 cartelli di divieto all’altezza di Via Dei 7 Santi ed è stata collocata una transenna che ha perfino perso il cartello che indicava obbligo di svolta, non è più munita della luce di segnalazione (evidentemente la sua posa era stata considerata un pericolo). Peccato che (capisco ma non condivido) chiunque voglia evitarsi un notevole “giro pesca” faccia 5 metri in controsenso per svoltare a sinistra in Via Delle Case Rosse. Il tutto ha un senso di assolutamente precario e temporaneo, spero vengano presi provvedimenti. In Via Ebat, invece, è stata creata una “pista di lancio” dove si raggiungono velocità folli ed una zona talmente larga da consentire il sorpasso tra le auto. Del resto, chi passa per attraversamento sud-nord mica può tollerare che altri automobilisti si apprestino ad entrare od uscire dai parcheggi. Che dire di questa zona? Un tempo era il polmone di parcheggio per i residenti di Via Goito e ora sono stati loro interdetti; ma poi come può coesistere una zona adibita a parcheggio con uno scorrimento veloce? Non sarebbe meglio creare ulteriori posti e limitare le velocita? Ma quando (e succede ogni giorno) la Via Ebat si blocca all’innesto con Via Montebello e perfino le autoambulanze sono costrette a tornare indietro contromano, non è forse la conferma di una scelta “poco ponderata” della precedente amministrazione? Confidiamo in alcuni segnali di dialogo che sono stati colti per giungere ad una ottimizzazione della zona e. perchè no, ad un suo abbellimento attraverso la realizzazione del famoso parco Ebat.7 Santi che potrebbe coordinarsi in modo interessante con i parcheggi aumentandone la capacita a vantaggio di tutti gli abitanti di zona.

  2. # elena

    Tornando sull’incidente (fortunatamente pare non ci siano gravi danni alle persone), la pericolosità di quell’incrocio. Possibile non si possa trovare una soluzione? Una volta parlare di sensi unici costituiva eresia, oggi non più. Adottando in Via Goito il senso unico verso nord da quel punto in poi, si eviterà a chi provenga da Via Dell’Ambrogiana di svoltare a destra rischiando di scontrarsi con chi, magari un pò allegramente, si trovi in marcia in direzione Sud lungo la suddetta Via Goito.
    Attualmente nessuno può vedere l’altro, formula “roulette russa”, oggi vinco, domani chissà… (mi ci sono trovata ed ho vissuto una brutta esperienza).
    Inoltre, anche il mancato allineamento tra Via Dell’Ambrogiana e Via Beppe Orlandi provoca un sacco di problemi, una riordinata sarebbe senz’altro auspicabile

  3. # #LaButtoLì

    Io proposi già tempo fa un’altra soluzione, ovvero istituire il senso unico in via goito tra via Orlandi e via montebello e sempre senso unico ma nel verso opposto in via san jacopo in Acquaviva sempre nel tratto tra via Orlandi e via montebello.
    Questo porterebbe si a fare il giro dell’isolato ma in totale sicurezza senza strozzature, ingorghi sorpassi a cavolo….e incidenti.

  4. # gabriella

    Ho due bambine
    Prima si poteva tranquillamente parcheggiare in via Ebat per portare i figli scuola, ora ti passano con le moto sui marciapiedi perchè la strada è bloccata all’incrocio con via Montebello.
    Vogliamo andare alla radice dei problemi, capire perchè si blocca?

  5. # Bulldozer

    Dissuasori mai per i mezzi di soccorso sono la cosa peggiore.

    1. # david

      I dissuasori sono presenti nelle strade di tutto il mondo.

  6. # Cesare

    Aggiungerei che è molto pericoloso anche l’incrocio con Via Betti dove io stesso con lo scooter ho avuto un incidente che poteva avere anche conseguenze molto più gravi di quelle che vi sono state

  7. # Francesco

    Grazie a tutte queste modifiche alla viabilità, per poco non ci lascio le penne!!!!!!
    Vivo in Via Goito e come tanti parcheggiavo tranquillamente in Via Ebat dove c’era posto per tutti.
    Ora mi è rimasto solo lo stradello che collega Via Goito con Via Ebat, ma per entrare ed uscire da questo si rischia la vita……
    Da quando Via Ebat è a senso unico, molti mezzi ci passano tipo Formula 1 e chiunque sia impegnato in una qualche manovra connessa con la sosta costituisce evidentemente un corpo estraneo che rischia di fargli perdere il “miglior tempo”.
    Mi chiedo come facciano tutti quelli che su questa strada hanno il passo carrabile.
    Perché i piazzali sulla Via Ebat non possono essere meglio organizzati per avere più posti????
    Perchè una situazione in cui bene o male ognuno soddisfaceva le proprie esigenze è stata compromessa?
    Boh……

  8. # Paola

    Rallentatori di velocità, gli automobilisti rallenterebbero, non tanto per rispetto del codice stradale,quanto per paura di spaccare la macchina o lo scooter

  9. # MARCO

    1) c’erano posti auto per tutti ed ora non più, in via Goito sono stati persi diversi posti da Via Dei 7 Santi fino a Via Beppe Orlandi ed i residenti potevano parcheggiare (ora non più) in area Ebat/7 Santi;
    2) la circolazione non andava in blocco come accade ora a via Ebat da cui non si riesce ad entrare in via Montebello (ovvio che mi riferisco alle ore di punta) perchè il flusso da Sud poteva suddividersi tra Via Goito-Via Delle Case Rosse-Via Ebat;
    3) si entrava facilmente in via Delle Case Rosse provenendo da Sud, ora serve un giro complesso per arrivarci
    4) si dice che si sia agito perché alcuni tratti di via erano troppo stretti per rimanere a doppio senso di marcia, e quelli che invece lo sono rimasti? (via Goito nel tratto 7 Santi – Ambrogiana), Via Dei 7 Santi stessa;
    5) Le velocità erano consone con il fatto che si tratta di zone residenziali mentre ora sono sensibilmente aumentate;

    1. # Frank

      Se la gente monta sui marciapiedi con i mezzi o va controsenso non è colpa della viabilità..la gente è ignorante

  10. # #misonorotto

    Si vede che chi non vuole i dissuasori non abita in via Goito. Arrivano in derapata da Via Montebello e ci sono pure le strisce pedonali. Non contento a metà strada danno pure la scassata a qualsiasi ora della notte. A volte tremano anche i vetri di casa se passa qualche moto. Ci vorrebbero due dissuasori. Uno davanti alle scuole, l’altro in via Goito.

  11. # Concetta

    Basterebbe realizzare una buona piu accentuata di quella attuale segnaletica di stop da via dell’ambrogiana e di rallentamento per entrambi i sensi di via goito.
    Riguardo all’accesso da via goito (provenendo da sud) a via delle case rosse, (che andrebbe senza dubbio ripristinato per evitare la situazione creatasi in via ebat ma anche inutili allungamenti del percorso), basterebbe porre il senso unico all’altezza di via case rosse anziche di via sette santi oltre a mettere uno stop ben visibile in via goito direzione sud in modo che sia data precedenza a chi provenendo da sud svolti in via case rosse.
    In questo modo il traffico sarebbe diviso tra via sette santi e via case rosse con conseguente alleggerimento su via ebat.

    1. # Frank

      I dissuasori ci vogliono anche i via borgo cappuccini..è diventato un bel trampolino di lancio anche quello

      1. # david

        ….e Borgo San Jacopo!

  12. # Salvatore

    DISSUASORI, come ci sono in tutte le città EUROPEE…..

  13. # Andi

    MESSAGGIO AI NOSTRI AMMINISTRATORI
    Ci auguriamo che venga invertita la brutta abitudine di disporre modifiche che ricadono sulle vita quotidiana dei cittadini senza essersi calati nella realta e senza aver approfondito la conoscenza dei luoghi, anche confrontandosi con i cittadini e ascoltando i consigli di chi vive nelle zone oggetto di intervento.
    La prova di ciò che dico?
    A parte le modifiche apportate in primavera che in generale non hanno risolto i vecchi problemi ma hanno finito per crearne di nuovi, sentite questa:
    in Via Ebat hanno dipinto una batteria di stalli blu (tra i fabbricati gemelli) per poi rendersi conto solo dopo che si trattava di proprietà privata 🙂 🙂 🙂
    E’ ovvio che con questo modo di fare sia peggiorata la viabilità, la sicurezza stradale, la reperibilità di parcheggio, ecc…

  14. # Giuseppe

    Come suol dirsi “SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO”!
    Non ringrazio per niente (anzi mi fa parecchio incavolare) l’amministrazione precedente che ha adottato i provvedimenti in questione proprio prima di fine mandato.
    Qualcuno mi spieghi quali sono i vantaggi conseguiti
    Poi, mi risulta che la ex vicesindaca abbia fatto anche autocritica sulla questione stalli blu che, come sappiamo, è strettamente collegata alle modifiche sulla viabilità……..intanto sono cavoli nostri
    Mi auguro che si possa ripensare l’attuale configurazione introducendo i necessari correttivi
    Cari concittadini, un bocca al lupo!

  15. # Carlo

    Sono le 17.30 di domenica 13 ottobre, sonnecchiavo sul divano***
    E’ passata una moto MOLTO SMARMITTATA ed è finita la magia (mi vengono in mente diverse parolacce)
    Nei primi anni ’90 mi è capitato di vedere Polizia e Vigili Urbani con i fonometri ed ora?
    Prima no, ma ora è possibile comprare moto e motocicli e manometterli come si vuole?
    Sembra di si, purtroppo
    *** succede anche di notte di essere svegliati da questi simpaticoni

  16. # Antonella

    i miei genitori abitano da decenni in Via Ebat ed io ci sono nata
    Mia madre ora ha paura sia ad attraversare la strada in Via Goito (all’altezza del piccolo parco intermedio) per andare verso Villa Mimbelli che a camminare in Via Ebat per andare alla chiesa dei 7 Santi (tra l’altro, non si è mai avuto un passaggio pedonale in tutta la via, ma prima non serviva)
    Prima passavano solo auto di persone di zona e non di rado ti riconoscevi e ti fermavi a fare due parole, ora passano automobilisti arrazzatissimi, mezzi commerciali con il tempo contato e quanto altro.
    Pensare che nel mezzo c’erà un bel muro e le strade non avevano continuità, magari c’era una ragione se erano nate in un certo modo

  17. # Giancarlo

    Abito in zona, il dissuasore deve essere l’ultima risorsa.
    Prima deve essere fatta una buona progettazione.
    ———
    Prima si cerca di non tagliarsi, poi nel caso ci facciamo mettere i punti. Idem per i dissuasori
    I problemi di questa città non si possono risolvere mettendoci “i pannicelli caldi”

  18. # TRASLOCO

    una bella casina in via terrazzini?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.