Cerca nel quotidiano:


Sequestrati 750 metri di rete da posta

La rete, calata da ignoti in un tratto di mare vietato tra la testata della Darsena Petroli e l’estremità Nord della Diga della Meloria, era sprovvista degli elementi identificativi richiesti dalla legge

martedì 02 Luglio 2019 09:48

Mediagallery

Un’unità navale della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Livorno, durante una navigazione operativa, ha sottoposto a sequestro e rimosso una rete da posta della lunghezza di circa 750 metri (nella foto). La rete, calata da ignoti in un tratto di mare vietato compreso tra la testata della Darsena Petroli e l’estremità Nord della Diga della “Meloria”, era sprovvista dei segnalamenti luminosi e degli elementi identificativi richiesti dalla legge, pertanto pericolosa per la sicurezza della navigazione.

L’operazione svolta rientra tra le molteplici attività che i militari della componente Aeronavale della guardia di finanza di Livorno svolgono quotidianamente per la prevenzione e la repressione di illeciti in materia di polizia economico finanziaria, a tutela dell’economia e della concorrenza leale, oltre che di pubblica sicurezza alla luce dei nuovi e più ampi compiti di polizia del mare attribuiti alla guardia di finanza dalla recente “Riforma Madia”.

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Raffa

    Bene….. Ringrazio tutte le Forze dell’Ordine perché prestino attenzione alla salvaguardia del mare e a far si che siano rispettate le leggi in essere…. Spero solo che presto trovino in fragranza di reato anche i pescatori abusivi !!

  2. # Marcello

    E’ molto importante anche la collaborazione-segnalazioni dei cittadini, sbagliato voltarsi dall’altra parte magari pensando…tanto qualcuno telefonera’…quel qualcuno devi essere tu per primo, ricordiamoci che il mare e la sua fauna, e’ un bene di tutti e va tutelato visto che questi episodi sono sempre piu’ frequenti, un grazie particolare alle Autorita’ preposte al controllo.

    1. # Vanno presi sul fatto

      La prossima volta consiglio alle forze dell’ordine di imboscarsi aspettando che il proprietario della rete torni a salpare. Vedrai che una multa come si deve se la ricorda meglio!

    2. # Figlio di Maria

      Molte persone pensano sia fare la spia…invece e’ un dovere segnalare un reato ……

  3. # Alessio

    Ho visto personalmente svariate volte, pescatori abusivi in piena notte (2-3 di mattina), su barchini improvvisati e senza luci, andare a calare e recuperare le reti abusive.
    Il tutto di fronte al molo italia, con navi in operazioni di sbarco/imbarco
    Non solo questa pratica e’ un danno all’ecosistema notevole, ma anche un pericolo per il lavoratori portuali in generale
    Bastava lasciare la rete in acqua e fare un appostamento per cogliere in flagranza di reato, questi pirati del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.