Cerca nel quotidiano:


Si finge marito per truffare i centri estetici

Una delle vittime, Simona, tramite Confcommercio, mette in guardia le colleghe da un signore sui 45 anni, elegante e con accento del nord in modo che nessuno ci possa cascare di nuovo

giovedì 02 agosto 2018 11:37

Mediagallery

La Confcommercio della Provincia di Livorno, sollecitata dalla associata Simona Vannozzi, vittima di un furto da parte di un signore sui 45 anni, elegante e con accento del nord, mette in guardia i centri estetici dalla truffa. Segnalazioni sono già state registrate nelle provincie di Pisa, Lucca e Livorno: un signore, con la scusa di avere informazioni su dei trattamenti estetici per la moglie chiede di aspettare la consorte, e si accomoda. La titolare della Rosa dell’inverno, che è stata derubata dall’incasso, racconta: “Quest’uomo ha chiesto di aspettare la moglie in negozio. Io stavo facendo una pedicure nell’altra stanza e ho dovuto lasciarlo solo”.  Tornando in sala d’aspetto, Simona l’ha visto uscire e il suo atteggiamento l’ha insospettita. “Avendo una cliente, per altro incinta, in negozio ho preferito farlo allontanare senza fare questioni, per motivi di sicurezza”.  “Lui chiaramente ha aperto la cassa e si è impadronito dell’incasso. Non era moltissimo, anche se comunque per una piccola attività come la mia sono ore di lavoro importanti”. Adesso però Simona vuole che tutti diffondano la sua esperienza in modo che nessuno ci possa cascare di nuovo. Le estetiste che lavorano da sole sono le più colpite. Il sedicente marito si era infatti fatto vedere al centro estetico Il Capriccio, a Colline, (nella foto) ma poi, quando ha visto tre persone dietro il bancone, con una scusa ha rinunciato ed è uscito. “Vorrei che questa truffa venisse conosciuta anche fuori Toscana, perché sicuramente questo personaggio si farà rivedere” avverte Simona. Confcommercio raccomanda la massima attenzione e chiede gentilmente di diffondere il messaggio.

Cna – “Il truffatore delle estetiste che era stato segnalato nei giorni scorsi da Cna Livorno perché denunciato da una attività derubata in città si è rivelato un caso di rilevanza almeno regionale e deve essere fermato”. Ad affermarlo è Alessandro Longobardi responsabile sindacale Cna del settore che aggiunge: “Appena abbiamo dato l’allarme sulla nostra pagina Facebook, si è riempita di segnalazioni di estetiste da tutta la Toscana di furti riusciti o meno: al momento il post ha raggiunto 10.527 persone grazie a 113 condivisioni. Il soggetto segnalato corrisponde all’identikit fatto dall’estetista livornese di un uomo sui 45 anni, ben vestito, capelli castani leggermente lunghi ed ordinati, corporatura normale ed altezza tra 1,70 ed 1,80, accento del nord, fare gentile e garbato. Il tizio ha visitato centri estetici a Livorno, Pisa, Migliarino, Nodica, Cascina, Tirrenia, Firenze… sempre con la stessa tecnica e temiamo purtroppo che più il post sarà condiviso, più segnalazioni arriveranno da tutta la regione: generalmente sostiene di avere preso in affitto un appartamento nei pressi dell’attività per l’estate e di avere una moglie interessata ad avere informazioni sui trattamenti estetici da poter fare nel periodo; a quel punto chiama al telefono una donna, di cui si sente la voce, e le dice che l’aspetta presso il centro estetico; se l’estetista è sola e fa accomodare il presunto marito tornando in cabina ad effettuare i trattamenti alle clienti presenti in attività, il gioco è fatto: quando i soldi della cassa, quando il cellulare od altro. Per fortuna il colpo non sempre è andato a segno, vuoi per la presenza di molte clienti o perché l’estetista non l’ha perso d’occhio; a quel punto dopo un po’ con una scusa il finto marito esce e quasi mai rientra”. “Stante la dimensione del fatto – conclude Longobardi – è ancora più urgente che le forze dell’ordine riescano a bloccarlo, perché di sicuro sta già girando in altre zone per altri centri estetici: speriamo che il tam tam mediatico e quello fra colleghe almeno riesca a precederlo”.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Dredd

    Telecamere sulla cassa lasciata incustodita?

    1. # Jure

      Secondo me è meglio una tagliola nel cassetto…

  2. # Grande Fratello

    Telecamere sulla cassa, telecamere ai cassonetti, telecamere ai semafori, telecamere in camera da letto… ormai è una fissa questa delle telecamere!

    1. # #UnoACaso

      #GrandeFratello : se quando si prende un ladro LO SI INGABBIA PER BENE …. non ci sarebbe bisogno di telecamere. Siccome si rilasciano andare tutti…. possono essere un qualcosa in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.