Cerca nel quotidiano:


Sorpresi con 200 ricci: maxi multa a due pescatori subacquei

Per la pesca sportiva il quantitativo massimo ammesso è pari a 50 esemplari. 5.000 euro l’importo della multa comminata cui è seguito il sequestro delle attrezzature adoperate. Molti altri i controlli effettuati

Venerdì 28 Luglio 2017 — 10:45

Mediagallery

La Direzione Marittima di Livorno, attraverso il 2° Centro di Controllo Area Pesca, ha coordinato l’operazione complessa Blue Shark. In tale ambito, gli ispettori delle Capitanerie di porto della Toscana hanno condotto oltre 400 controlli lungo l’intera filiera ittica, via mare e via terra, in tutta la Regione. Significativi i risultati: 1.700 chilogrammi di prodotti ittici e 50 attrezzi da pesca sequestrati, oltre 76.000 euro di sanzioni per 57 illeciti riscontrati, comprese 3 violazioni di rilievo penale. Di seguito un riepilogo delle azioni di maggior rilievo a Livorno e provincia.

Livorno – Le unità navali della Capitaneria di porto labronica hanno irrogato sanzioni per complessivi 26.000 euro. In particolare, due pescatori subacquei non professionali, entrambi livornesi, di circa cinquant’anni, sono stati sorpresi a prelevare 200 ricci di mare dai fondali dello specchio acqueo antistante i Bagni Nettuno. Si rammenta che, per la pesca sportiva, il quantitativo massimo ammesso è pari a 50 esemplari. 5.000 euro l’importo della multa comminata, cui è seguito il sequestro delle attrezzature adoperate. L’intervento, scaturito dalla segnalazione telefonica di un bagnante alla Sala Operativa tramite il numero blu 1530, è stato effettuato impiegando personale via mare e via terra e si è concluso allo Scoglio della Regina, dove i trasgressori sono stati raggiunti e sottoposti a controllo. Il pescato, in parte sottomisura, è stato rigettato in mare. Inoltre, davanti a Livorno, è stato intercettato un natante, occupato da due pescatori subacquei provenienti da Vecchiano, sul quale sono stati rinvenuti tre esemplari di cernia appena catturati, di grosse dimensioni. La normativa in vigore prevede che, nell’ambito della stessa battuta di pesca giornaliera, possa essere catturato massimo un esemplare a persona. 4.000 euro la sanzione inflitta in questo caso. Il pescato è andato in beneficenza a un Centro di accoglienza di Montenero. Ancora, lungo il litorale livornese, sono stati contestati tre illeciti amministrativi, per complessivi 3.000 euro, nei confronti di altrettanti pescatori subacquei ricreativi rei di aver infranto le regole che disciplinano la pesca subacquea in presenza di bagnanti. In tutti i casi, alle sanzioni amministrative si è aggiunto il sequestro dei fucili, impiegati sconsideratamente in zone interessate dalla presenza di numerosi bagnanti. Al riguardo, si evidenzia che è severamente vietato l’uso del fucile subacqueo a meno di 500 metri dalle spiagge. Nello specchio acqueo antistante il porto, invece, è stato rinvenuto un ‘palangaro’ armato con 200 ami, sprovvisto di ogni segnalazione. L’attrezzo è stato salpato a bordo di una motovedetta della Guardia Costiera e quindi sequestrato. Due sanzioni amministrative da 2.000 euro l’una sono state elevate nei confronti di due persone imbarcate su un’unità da pesca professionale, senza essere in possesso dell’abilitazione all’esercizio della pesca professionale marittima. Inoltre, i comandanti di quattro pescherecci sono stati sanzionati per complessivi 1.200 euro, colpevoli di aver imbarcato marittimi non facenti parte dell’equipaggio. Una multa da 2.000 euro è invece toccata al comandante di un’unità da pesca siciliana, intenta a pescare in acque toscane, per non aver registrato sul giornale di pesca dell’imbarcazione i dati delle catture. L’illecito è stato scoperto grazie a all’analisi incrociata delle informazioni contenute nelle banche dati a disposizione degli ispettori della Guardia Costiera. Lo stesso illecito è stato contestato al comandante di un peschereccio della marineria di Viareggio, fermato nel cuore della notte da una motovedetta in servizio di polizia marittima nelle acque antistanti il Comune di Pisa. Per questo tipo di violazioni, è prevista l’assegnazione di 3 punti al titolo professionale del comandante e di altrettanti punti alla licenza di pesca della società armatrice.
Nell’ambito delle attività condotte a terra, nei magazzini e nei frigoriferi di un grossista livornese sono stati rinvenuti e sequestrati 50 chilogrammi di razze congelate scadute. 2.000 euro la sanzione inflitta. Infine, due gestori di esercizi di ristorazione, operanti all’interno di stabilimenti balneari, sono stati multati per 3.000 euro complessivi, con sequestro del prodotto ittico non tracciabile e quindi di provenienza dubbia.

Cecina – La Guardia Costiera di Cecina ha sequestrato del pesce spada non tracciabile a un locale
ristoratore, applicando una sanzione da 1.500 euro. Inoltre, i militari cecinesi hanno sequestrato un palangaro irregolare, sul quale erano innestati 280 ami, contro i 200 consentiti dalla normativa. 1.000 Euro la sanzione irrogata, mentre il pescato, un tonnetto alletterato da 11 chilogrammi, è stato donato in beneficenza.

Piombino – La Guardia Costiera di Piombino ha sanzionato per complessivi 4.000 euro quattro pescatori sportivi, sorpresi a pescare in porto. Le attrezzature utilizzate sono state sequestrate.

Il gestore di un ristorante cittadino è stato multato per 1.500 euro, perché deteneva pescato privo di
documentazione che ne certificasse la provenienza.

Follonica – Al titolare di una pescheria locale è stato contestato un illecito amministrativo da 1.500 Euro, per aver messo in vendita pescato privo dell’etichetta riportante le informazioni dovute al consumatore, nel caso di specie: nome commerciale, nome scientifico, provenienza, metodo di produzione ed attrezzatura utilizzata per la cattura.

Isola d’Elba – La Guardia Costiera di Portoferraio ha sequestrato presso due esercizi alberghieri 450 Kg di prodotto ittico congelato, ma offerto come fresco. Sono stati inoltre sequestrati, a vari ristoranti, 60 chilogrammi complessivi di pescato sprovvisto della documentazione attestante la provenienza.

Riproduzione riservata ©

20 commenti

 
  1. # dario

    L’ingordigia e la bramosia verso il danaro da parte di alcune persone, non ha eguali. Ben gli sta, così imparano a rispettare norme,leggi e regolamenti!

    1. # Orso

      Forse piu’ che il denaro la spaghettata sui bagni .
      La prossima volta gli conviene andare a mangiare da Cannavacciuolo .

  2. # Dart

    Complimenti per il lavoro svolto dalla Guardia Costiera …. il mare è un bene comune e va tutelato nell’interesse della collettività evitando che venga razziato da pochi ingordi

  3. # Andrea

    Miei cari ricciaioli abusivi, sono finite le ruzze!

  4. # sarago66

    le cernie a vecchiano????? o questa è bella

    1. # sawfish

      i pescatori sono di Vecchiano…le cernie le hanno prese nelle acque antistanti Livorno…leggere ammodo no?

    2. # Bozzolo63

      Leggi bene da vecchiano sono venuti a fare i furbi a livorno e tornano a casa a piedi e seza pesce.

  5. # Mario di Borgo

    Tutto questo chiasso per 200 ricci…???…mi sembra eccessivo….

    1. # Andrea

      Lei ci va a fare le rapine in banca ? No, perché sa che è una cosa illegale.
      Questi individui, sanno che stanno facendo una cosa illegale, ed infatti non la fanno per fare la pastasciutta al mare, ma per rivenderli ai ristoranti a prezzi bassi, ostacolando il lavoro di professionisti che lo fanno per campare le famiglie pagando le tasse.
      Stesso discorso per i palamiti. Quanti pescano per mangiare il pescato, e quanti lo rivendono ?

  6. # diseguaglianze

    Sarebbe l’ora che fossero controllati quei pescatori allo scalandrone Scali Finocchietti che pescano centinaia di ricci e poi li vendono addirittura in bussolotti con un commercio illegale sotto gi occhi di tutti !

    1. # Orso

      Occhio , perche’ un conto e’ la pesca sportiva un conto e’ la pesca con licenza , dove ovviamente ci sono regole diverse . Puo’ darsi che siamo pescatori professionisti .

  7. # biggì

    spero che tutte le contravvenzioni comminate siano riscosse fino all’ultimo centesimo…e senza rateizzazione!

  8. # Alessio

    Io mi concentrerei più su chi spaccia e chi ruba invece di fare la guerra a chi fa 200 ricci invece di 50, o a chi ha 280 ami invece che 200(come se quelli 80 ami in più ti cambiassero la pescata) .
    È segno che per lo stato è più importante mettere i bastoni tra le ruote a chi pesca piuttosto che a chi ruba

    1. # Mario

      Bel discorso a riccio….

    2. # Aldo

      se 80 ami non ti cambiano la pescata allora non li montare mettine 200 e fai le cose in regola

  9. # Oscare

    Certo l’hanno fatta grossa, …..lo stesso zelo lo vorrei anche a ROMA.

  10. # nando

    Fa piacere sentire che intervengono dietro segnalazione di cittadini. Perchè non intervengono quando viene segnalata pesca di frodo dentro il porto? Prima pescavano la notte, adesso calano reti e palamiti in pieno giorno, incuranti delle persone che li vedono.

  11. # divo55

    Ma dove e’ finita la Libertà quale elemento fondante della città di Livorno….ma la Storia e’ cultura e non fa parte da tempo della città, giunte rosse e grillini compresi….

    1. # roby

      LIBERTA’ DI COSA? DI FARE COSA CI PARE? CI SONO LEGGI CHE VANNO RISPETTATE. L’ANARCHIA ERA UNA COSA SERIA, OGGI UNO CHE SI RITIENE ANARCHICO PENSA DI POTER DEPREDARE, RUBARE, TRUFFARE, NON LAVORARE AVERE DIRITTO ALLA CASA, ALLA SANITA’ ECC. ECC. E CAMPARE SULLE SPALLE DEGLI ALTRI.
      MA COME SONO FURBI GLI SCEMI…….. NON E’ UN’OFFESA, E’ UN VECCHIO DETTO, CHE FACEVA PARTE DELLA CULTURA POPOLARE LIVORNESE CHE TU CITI.

  12. # lalla

    le leggi vanno rispettate, il mare va protetto e rispettato.
    Se i controlli aumentano , viene meno voglia ai furbetti di continuare a farlo.