Cerca nel quotidiano:


Sospesa per 30 giorni l’attività di un circolo. La replica

Il questore ha disposto la sospensione per 30 giorni dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande del circolo sportivo dilettantistico in via del Forte San Pietro. La replica: "Riapriremo, anche se lavorare a Livorno è diventato impossibile"

mercoledì 16 Ottobre 2019 19:09

Mediagallery

Il questore, ai sensi dell’art. 100 del Tulps, ha disposto la sospensione, per la durata di 30 giorni, dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande relativa al circolo sportivo dilettantistico The Hecks in via del Forte San Pietro, in Venezia. Quilivorno.it è riuscito a contattare nella serata del 16 ottobre il direttivo del The Hecks per una replica: “Per quanto riguarda la lite del 29 settembre, sinceramente, non c’è stato il tempo di avvisare. Siamo stati impegnati nel sedarla. Avessimo chiamato noi riteniamo di poter dire non sarebbe cambiato nulla. Probabilmente ci avrebbero fatto chiudere comunque. Sull’avventore denunciato teniamo poi a dire che è stato colui che ha evitato una coltellata ad un altro avventore socio. Ad ogni modo detto tutto ciò, riapriremo sicuramente, anche se lavorare a Livorno è diventato impossibile. Vogliono una città dormitorio? Senza contare che i “casini” possono succedere e succedono anche in altri locali”.
Il provvedimento del questore notificato il 15 ottobre, si spiega in un comunicato diffuso dalla questura il 16 ottobre, è stato appunto adottato “in seguito ai fatti avvenuti durante la notte del 29 settembre quando verso le 4.30 c’è stata una lite, per futili motivi, culminata in una colluttazione a seguito della quale un avventore è stato colpito con un’arma impropria riportando lesioni refertate con una prognosi di giorni 30 per frattura costale”. L’episodio, si legge nel comunicato, è stato segnalato al 113 da alcuni residenti “senza che nessuno dei presenti abbia chiesto l’intervento delle forze dell’ordine”. Punto sul quale il direttivo ha replicato. L’altro avventore socio del circolo, si legge ancora, è stato “ritenuto responsabile delle lesioni procurate all’avventore la notte del 29 settembre ed è stato denunciato per i reati commessi e allontanato da Livorno con foglio di via obbligatorio emesso dal questore di Livorno, in quanto non residente in città”. Punto sul quale il direttivo ha replicato.

La questura infine spiega che “il circolo The Hecks, aperto nell’aprile 2019, in realtà era la prosecuzione della gestione della precedente associazione sportiva dilettantistica The Yard, svolta nello stesso locale dal settembre 2016 all’aprile 2019 (e cessata in concomitanza con l’apertura del The Hecks) e del pub La Strega in via della Madonna dal 2013 al 2016. Le attività di questi ultimi locali sono state sospese per quattro volte ai sensi dell’art. 100 del Tulps. Su questo è Alessandro Giusto, già titolare de La Strega e già presidente del The Yard, raggiunto da Quilivorno.it il 16 ottobre, a replicare dicendo che “da La Strega al The Yard ho voluto fare una cosa diversa e in più tra un locale e l’altro sono stato fermo 4 mesi, mesi in cui ho fatto la fame. Non trovo corretto parlare di continuità. E quando a fine marzo 2019 mi è stata tolta la licenza, il direttivo del The Hecks ha preso il fondo dov’ero io chiedendomi di dar loro una mano perché si affacciavano a questo mondo per la prima volta”.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.