Cerca nel quotidiano:


Spaccano la vetrina con spranghe e sassi e rubano smartphone

Nel mirino Hashtag Informatica in borgo dei Cappuccini. I malviventi hanno agito tra le 21 e le 23 e sono stati ripresi dalle telecamere della videosorveglianza del negozio

Martedì 19 Novembre 2019 — 11:58

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Uno dei tre soci titolari, Maurizio Rizzi Sentieri, mostra le spranghe utilizzate dai malviventi per spaccare la vetrina. Oltre ai cellulari i ladri sono scappati con alcuni smartwatch esposti

Hanno spaccato la vetrina del negozio Hashtag Informatica in borgo dei Cappuccini noncuranti della saracinesca a grate che avrebbe complicato non poco il loro lavoro criminale. Per far ciò si sono serviti di due spranghe di ferro ricavate, o per meglio dire sradicate, dal sostegno di una tenda del negozio accanto e di alcuni massi recuperati in strada. Sfruttando le parti quindi sguarnite dalla grata della saracinesca, con questi rudimentali attrezzi, hanno sfondato la vetrina riuscendo a praticare un buco tanto grande da poter inserire una mano all’interno. Un pertugio che ha concesso ai malviventi di riuscire a svuotare la mensola rubando tutti i cellulari esposti, e non solo quelli. “Il furto è avvenuto nella serata di lunedì 18 novembre tra le 21 e le 23 circa – commenta uno dei tre soci titolari, Maurizio Rizzi Sentieri, a QuiLivorno.it – Avevamo chiuso il negozio intorno alle 20,45 e alle 23,15 ci hanno chiamato per dirci di correre sul posto che avevano sfondato la vetrina. Per fortuna grazie alla saracinesca sono riusciti a portar via solamente oggetti piccoli, anche se di valore, come gli smartphone esposti e gli smartwatch che erano lì accanto ai cellulari, sulla mensola di legno. Tra la vetrina da rifare, gli orologi e i cellulari spariti si parlerà di un danno di circa diecimila euro. Non sono certamente pochi”.
Il negozio Hashtag Informatica è fornito di un sistema di videosorveglianza che ha ripreso qualche immagine dei malviventi all’opera. “Si vede parzialmente – continua Rizzi Sentieri – non è nitidissimo il filmato, complice anche la poca illuminazione. Si capisce che sono due, forse tre, e che hanno agito a volto coperto e con un cappuccio calato sulla testa”.
Ai titolari adesso non rimane altro che sporgere denuncia, consegnare le immagini agli inquirenti e soprattutto correre ai ripari installando il prima possibile una vetrina nuova.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Malizioso Troll

    E tra le 21 e le 23 non c’era nessuno in giro o in casa nei dintorni? Hanno fatto un frastuono “di nulla”. Una telefonata al 112 o al 113 qualcuno ha pensato di farla o, come al solito, tutti voltati dall’altra parte e poi piagnucolare che ci vuole “il Capitano”?

    1. # Raffaella

      tu puoi tranquillamente chiamare le “sardine” 😉

  2. # Hack

    Malizioso e raffaella carra’ de noantri. Io non credo che i vostri concittadini siano cosi’ omertosi da vedere un furto e far finta di nulla. Immagino che voi nei vostri quartieri siete sempre appostati come vedette talmente impegnati a scorgere rumori di scasso…o cappottini di rito

  3. # Franco

    Ma una bella saracinesca di acciaio come ho io no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.