Cerca nel quotidiano:


Spacciano “coca” ai giardinetti davanti ai bimbi: interviene la polizia

Controllate tre persone presenti all'interno del parco pubblico di via Giordano Bruno. Uno di loro aveva tentato di disfarsi di 2,5 grammi di cocaina

venerdì 27 luglio 2018 09:47

Mediagallery

Nella mattinata di mercoledì 25 luglio le volanti, durante un controllo di polizia finalizzato alla prevenzione e alla repressione dello spaccio di stupefacenti, hanno ispezionato il parco pubblico di via Giordano Bruno (nella foto di Simone Lanari) dove alcuni bambini, sotto lo sguardo attento dei loro genitori, si stavano divertendo con gli scivoli e i giochi presenti nel giardino.
L’attenzione dei poliziotti si è subito indirizzata verso tre persone sedute sul muretto di recinzione che stavano dialogando tra loro. Il gruppetto, alla vista della polizia, ha cercato subito di separarsi prendendo direzioni diverse. Fatto che ha insospettito gli agenti i quali hanno dunque deciso di bloccarli e procedere al controllo: erano tutti cittadini tunisini di età compresa tra i 30 e i 50 anni. Durante le prime fasi dell’intervento gli agenti hanno notato uno dei tre gettare dietro un muretto un incarto di colore bianco che è stato recuperato immediatamente dai poliziotti. Il piccolo pacchettino conteneva sette involucri di cellophane termosaldati al cui interno è risultato essere custodita della cocaina del peso di 2,50 grammi. I tre sono stati accompagnati in questura per ulteriori accertamenti per verificare la loro posizione sul territorio nazionale. Uno di loro (quello sorpreso a gettare la droga oltre il muretto) è stato segnalato all’autorità giudiziaria per il reato detenzione ai fini di spaccio.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Carlo

    i parchi pubblici DEVONO avere dei punti di riferimento per i frequentatori : questi possono essere posti fissi di vigili o PS oppure qualche volontario che , vedendo movimenti sospetti oppure evidenti infrazioni, chiami al telefono le forze dell’ ordine. Ad oggi sono abbandonati a se stessi a parte qualche casuale controllo … chi è prepotente o arrogante la fa da padrone … a scapito di mamme, anziani e bambini. Se questa amministrazione proponesse una selezione di cittadini che controllino i parchi, farebbe veramente un gran servizio alla cittadinanza.

  2. # piropiro

    fate le multe più salate a chi porta il cane dentro i parchi pubblici e che questa gente si metta bene nella testa che i parchi non sono cessi per i loro cani ne tanto meno per altre cose illecite

    1. # Anto

      Quindi chi ha un cane automaticamente è anche spacciatore……..
      Quelli che consumano l estate pure?
      E anche i fumatori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.